lunedì 3 marzo 2014

Γιῶργοσ Σεφέρησ - Δύο ποιήματα και ανάγνωση βίντεο / Giorgos Seferis - Due poesie e una video-lettura



Giorgos Seferis nel 1921
Giorgos Seferis (gr. Γιῶργος Σεϕέρης). - Pseudonimo del poeta greco G. Seferiàdis (Σεϕεριάδης; Smirne 1900 - Atene 1971). Dopo aver studiato legge a Parigi, intraprese la carriera diplomatica (1926), che concluse nel 1962 come ambasciatore a Londra. Le peregrinazioni impostegli dal servizio, incluse quelle al seguito del governo greco dopo l’invasione nazista, radicarono nel suo animo il sentimento dell’esilio, precocemente sperimentato con l’esodo della popolazione greca dall’Asia Minore in seguito al trattato di Losanna (1923). Le poesie degli esordi, Στροϕή (“Strofa”, ma anche “Svolta”, 1931), ῾Η στέρνα (“La cisterna”, 1932), si posero sulla scia del simbolismo francese e di P. Valéry, segnalandosi tuttavia per l’originalità dei procedimenti ermetico-allusivi e per la salda coerenza della lingua e del ritmo. Non meno innovativi i 24 componimenti di Μυϑιστόρημα (“Romanzo”, 1935), pubblicati pochi mesi dopo che Seferis aveva dato vita, insieme con altri, alla rivista Τὰ νέα γράμματα (“Lettere nuove”, 1935): protagonisti di questo breve epos sono alcuni miti dell’antichità classica, i quali rappresentano in modo esemplare il perenne ricorso di una vicenda tragica. Nell’assegnare una funzione metatemporale al mito, Seferis mise forse a frutto le suggestioni della poetica eliotiana (è del 1936 la sua traduzione di The waste land), sulla quale s’innesca il suo autonomo percorso di poeta-artigiano che attinge con paziente lavoro di scavo alle proprie intime risorse (Τετράδιο γυμνασμάτων “Quaderno d’esercizi”, 1940). Il presentimento del conflitto mondiale e le amare prove affrontate negli anni dell’esilio incupiscono le poesie del primo e più ancora del secondo ῾Ημερολόγιο καταστρώματος (“Giornale di bordo”, 1940 e 1945). Frutto delle contraddittorie sensazioni suscitate dal ritorno in patria fu il poemetto ῾Η κίχλη (“Il tordo”, 1947), un capolavoro della letteratura di tutti i tempi, che muove dall’oscuro abisso della guerra e delle lotte fratricide verso il chiarore di una provvisoria speranza. Ancora una luce, la magia del paesaggio di Cipro, illumina le poesie del terzo “Giornale di bordo” (1955), a contrasto con la drammatica crisi politica che insanguina l’isola. Da ultimo, in Τρία κρυϕὰ ποιήματα (“Tre poesie segrete”, 1966), Seferis riformulò i temi e i motivi della propria poesia, coniugando i toni austeri dell’anamnesi con uno stile più che mai scabro ed essenziale. Preziose testimonianze offrono i diari, che Seferis registrò dal 1925 fino alla morte, in corso di pubblicazione dal 1973 col titolo Μέρες (“Giorni”). Di grande rilevanza il contributo critico dei “Saggi” (Δοκιμές, 1944, più volte ristampati e arricchiti), soprattutto quando abbia per oggetto la lingua e la cultura demotica. Da ricordare inoltre le numerose traduzioni di poeti stranieri e le “trascrizioni” di scritti testamentari. Postumo uscì il romanzo ῎Εξι νύχτες στὴν ᾿Ακρόπολη (“Sei notti sull’Acropoli”, 1974), concepito negli anni giovanili. Nel 1963 gli fu assegnato il premio Nobel per la letteratura. In Italia è stata tradotta gran parte della sua opera, soprattutto da Filippo Maria Pontani (Poesie, 1963; Tre poesie segrete, 1968; Poesie e prose, 1969). 
Fonte principale per la bio-bibliografia: http://www.treccani.it/





ΔΥΟ ΠΟΙΗΜΑΤΑ / DUE POESIE



Μὲ τὸν τρόπο τοῦ Γ. Σ. 


που καὶ νὰ ταξιδέψω ἡ Ἑλλάδα μὲ πληγώνει 
Στὸ Πήλιο μέσα στὶς καστανιὲς τὸ πουκάμισο τοῦ Κενταύρου
γλιστροῦσε μέσα στὰ φύλλα γιὰ νὰ τυλιχτεῖ στὸ κορμί μου
καθὼς ἀνέβαινα τὴν ἀνηφόρα κι ἡ θάλασσα μ᾿ ἀκολουθοῦσε
ἀνεβαίνοντας κι αὐτὴ σὰν τὸν ὑδράργυρο θερμομέτρου
ὡς ποὺ νὰ βροῦμε τὰ νερὰ τοῦ βουνοῦ.

Στὴ Σαντορίνη ἀγγίζοντας νησιὰ ποὺ βουλιάζαν

ἀκούγοντας νὰ παίζει ἕνα σουραύλι κάπου στὶς ἀλαφρόπετρες
μοῦ κάρφωσε τὸ χέρι στὴν κουπαστὴ
μιὰ σαΐτα τιναγμένη ξαφνικὰ
ἀπὸ τὰ πέρατα μιᾶς νιότης βασιλεμένης.

Στὶς Μυκῆνες σήκωσα τὶς μεγάλες πέτρες καὶ τοὺς θησαυροὺς τῶν Ἀτρειδῶν

καὶ πλάγιασα μαζί τους στὸ ξενοδοχεῖο τῆς «Ὡραίας Ἑλένης τοῦ Μενελάου»
χάθηκαν μόνο τὴν αὐγὴ ποὺ λάλησε ἡ Κασσάντρα
μ᾿ ἕναν κόκορα κρεμασμένο στὸ μαῦρο λαιμό της.
Στὶς Σπέτσες στὸν Πόρο καὶ στὴ Μύκονο
μὲ χτίκιασαν οἱ βαρκαρόλες.

Τί θέλουν ὅλοι αὐτοὶ ποὺ λένε

πὼς βρίσκουνται στὴν Ἀθήνα ἢ στὸν Πειραιά;
Ὁ ἕνας ἔρχεται ἀπὸ Σαλαμίνα καὶ ρωτάει τὸν ἄλλο μήπως «ἔρχεται ἐξ Ὁμονοίας»
«Ὄχι ἔρχομαι ἐκ Συντάγματος» ἀπαντᾶ κι εἶν᾿ εὐχαριστημένος
«βρῆκα τὸ Γιάννη καὶ μὲ κέρασε ἕνα παγωτό».
Στὸ μεταξὺ ἡ Ἑλλάδα ταξιδεύει
δὲν ξέρουμε τὴν πίκρα τοῦ λιμανιοῦ σὰν ταξιδεύουν ὅλα τὰ καράβια
περιγελᾶμε ἐκείνους ποὺ τὴ νιώθουν.

Παράξενος κόσμος ποὺ λέει πὼς βρίσκεται στὴν Ἀττικὴ

καὶ δὲ βρίσκεται πουθενὰ
ἀγοράζουν κουφέτα γιὰ νὰ παντρευτοῦνε
κρατοῦν «σωσίτριχα» φωτογραφίζουνται
ὁ ἄνθρωπος ποὺ εἶδα σήμερα καθισμένος σ᾿ ἕνα φόντο μὲ πιτσούνια καὶ μὲ λουλούδια
δέχουνταν τὸ χέρι τοῦ γέρο φωτογράφου νὰ τοῦ στρώνει τὶς ρυτίδες
ποὺ εἶχαν ἀφήσει στὸ πρόσωπό του
ὅλα τὰ πετεινὰ τ᾿ οὐρανοῦ.
Στὸ μεταξὺ ἡ Ἑλλάδα ταξιδεύει ὁλοένα ταξιδεύει
κι ἂν «ὁρῶμεν ἀνθοῦν πέλαγος Αἰγαῖον νεκροῖς»
εἶναι ἐκεῖνοι ποὺ θέλησαν νὰ πιάσουν τὸ μεγάλο καράβι μὲ τὸ κολύμπι
ἐκεῖνοι ποὺ βαρέθηκαν νὰ περιμένουν τὰ καράβια ποὺ δὲν μποροῦν νὰ κινήσουν
τὴν ΕΛΣΗ τὴ ΣΑΜΟΘΡΑΚΗ τὸν ΑΜΒΡΑΚΙΚΟ.

Σφυρίζουν τὰ καράβια τώρα ποὺ βραδιάζει στὸν Πειραιὰ

σφυρίζουν ὁλοένα σφυρίζουν μὰ δὲν κουνιέται κανένας ἀργάτης
καμμιὰ ἁλυσίδα δὲν ἔλαμψε βρεμένη στὸ στερνὸ φῶς ποὺ βασιλεύει
ὁ καπετάνιος μένει μαρμαρωμένος μὲς στ᾿ ἄσπρα καὶ στὰ χρυσά.

Ὅπου καὶ νὰ ταξιδέψω ἡ Ἑλλάδα μὲ πληγώνει

παραπετάσματα βουνῶν ἀρχιπέλαγα γυμνοὶ γρανίτες...
τὸ καράβι ποὺ ταξιδεύει τὸ λένε ΑΓΩΝΙΑ 937.


                                                       Α/Π Αὐλίς, περιμένοντας νὰ ξεκινήσει Καλοκαίρι 1936 





Alla maniera di G.S. 


Dovunque viaggio la Grecia m’accora. 
Al Pelio fra i castagni la camicia di Nesso 
sgusciava tra le foglie per fare viluppo al mio corpo, 
mentre salivo l’erta e mi seguiva il mare 
salendo anch’esso come mercurio di termometro 
fin che trovammo l’acqua alla montagna. 
A Santorino, come sfioravo isole naufraghe 
e udivo chissà dove tra le pomici un flauto, 
inchiodò la mia mano al discollato 
una freccia vibrata d’un tratto 
dal limitare d’una giovinezza 
spenta. A Micene sollevai i macigni e i tesori degli Atridi 
e mi giacqui con essi all’albergo «Belle Hélène»; 
dileguarono all’alba, quando garrì Cassandra 
con un gallo sospeso al collo nero. 
A Spezze a Poro a Mìcono 
tutto lo strazio delle barcarole. 

Che vogliono costoro che si credono 
di trovarsi ad Atene, al Pireo? 
Uno di loro viene da Salamina e chiede all’altro se 
«viene dalla Concordia» 
«No da piazza Statuto» risponde compiaciuto 
l’altro: «ho incontrato Gianni, m’ha pagato un gelato». 
Intanto la Grecia viaggia. 
Noi non sappiamo nulla, non sappiamo d’essere tutti, tutti 
marittimi in disarmo, 
non sappiamo l’amaro del porto 
quando tutte le navi sono in viaggio. 
Ci burliamo di quelli che lo sentono. 
Strana gente che crede di trovarsi nell’Attica 
E non è in nessun posto: 
acquistano confetti per le nozze 
hanno «lozioni per capelli», si fanno 
fotografare, 
come l’uomo che ho visto oggi seduto 
su un fondale di fiori e piccioni: 
si lasciava spianare dalla mano di un vecchio fotografo le rughe 
lasciate sul suo viso 
da tutti i volatili del cielo. 

Intanto la Grecia viaggia, viaggia sempre 
e se «fiorir vediamo il mare Egeo di morti», 
sono quelli che vollero prendere la grande nave a nuoto, 
quelli stanchi d’attendere le navi che non salpano, 
l’ELSA, l’AMBRACICO, la SAMOTRACE. 
Fischiano adesso le navi che fa sera al Pireo, 
fischiano fischiano sempre, ma non si muove argano 
e non brilla catena madida nell’estrema luce che muore, 
e il capitano resta pietrificato, tutto bianco e oro. 

Dovunque viaggio la Grecia m’accora: 
cortine di montagne, arcipelaghi, nudo granito. 
La nave che viaggia si chiama AGONIA 937. 


                                                       Sul vapore «Aulide», in attesa della partenza. Estate 1936 





Da Quaderno d’esercizi, 1940, traduzione di Filippo Maria Pontani, in “Poesia europea del Novecento”, Skira, Milano 1966 





Ἡ τελευταία μέρα 


Ἦταν ἡ μέρα συννεφιασμένη. Κανεὶς δὲν ἀποφάσιζε  
φυσοῦσε ἕνας ἀγέρας ἀλαφρύς: «Δὲν εἶναι γρέγος εἶναι σιρόκος» εἶπε κάποιος. 
Κάτι λιγνὰ κυπαρίσσια καρφωμένα στὴν πλαγιὰ κι ἡ θάλασσα 
γκρίζα με λίμνες φωτεινές, πιὸ πέρα. 
Οἱ στρατιῶτες παρουσίαζαν ὅπλα σὰν ἄρχισε νὰ ψιχαλίζει. 
«Δὲν εἶναι γρέγος εἶναι σιρόκος» ἡ μόνη ἀπόφαση ποὺ ἀκούστηκε. 
Κι ὅμως τὸ ξέραμε πὼς τὴν ἄλλη αὐγὴ δὲ θὰ μᾶς ἔμενε 
τίποτε πιά, μήτε ἡ γυναίκα πίνοντας πλάι μας τὸν ὕπνο 
μήτε ἡ ἀνάμνηση πὼς ἤμασταν κάποτες ἄντρες, 
τίποτε πιὰ τὴν ἄλλη αὐγή. 

«Αὐτὸς ὁ ἀγέρας φέρνει στὸ νοῦ τὴν ἄνοιξη» ἔλεγε ἡ φίλη 
περπατώντας στὸ πλευρό μου κοιτάζοντας μακριὰ «τὴν ἄνοιξη 
ποὺ  ἔπεσε  ξαφνικὰ τὸ   χειμώνα  κοντὰ  στὴν   κλειστὴ θάλασσα. 
Τόσο  ἀπροσδόκητα. Πέρασαν τόσα χρόνια. Πῶς θὰ πεθάνουμε;» 

Ἕνα νεκρώσιμο ἐμβατήριο τριγύριζε μὲς στὴν ψιλὴ βροχή. 
Πῶς πεθαίνει ἕνας ἄντρας; Παράξενο κανένας δὲν τὸ συλλογίστηκε. 
Κι ὅσοι τὸ σκέφτηκαν ἦταν σὰν ἀνάμνηση ἀπὸ παλιὰ χρονικὰ 
τῆς ἐποχῆς τῶν Σταυροφόρων ἢ τῆς  ἐν - Σαλαμίνι - ναυμαχίας. 

Κι ὅμως ὁ θάνατος εἶναι κάτι ποὺ γίνεται- πῶς πεθαίνει ἕνας ἄντρας; 
Κι ὅμως κερδίζει κανεὶς τὸ θάνατό του, τὸ δικό του θάνατο, ποὺ δὲν ἀνήκει σὲ κανέναν ἄλλον 
καὶ τοῦτο τὸ παιχνίδι εἶναι ἡ ζωή. 
Χαμήλωνε τὸ φῶς πάνω ἀπὸ τὴ συννεφιασμένη μέρα, κανεὶς δὲν ἀποφάσιζε. 
Τὴν ἄλλη αὐγὴ δὲ θὰ μᾶς ἔμενε τίποτε- ὅλα παραδομένα- μήτε τὰ χέρια μας- 
κι οἱ γυναῖκες μας ξενοδουλεύοντας στὰ κεφαλόβρυσα καὶ τὰ παιδιά μας 
στὰ λατομεῖα. 
Ἡ φίλη μου τραγουδοῦσε περπατώντας στὸ πλευρό μου ἕνα τραγούδι σακατεμένο: 
«Τὴν ἄνοιξη, τὸ καλοκαίρι, ραγιάδες...» 
Θυμότανε κανεὶς γέροντες δασκάλους ποὺ μᾶς ἄφησαν ὀρφανούς. 
Ἕνα ζευγάρι πέρασε κουβεντιάζοντας: 
«Βαρέθηκα τὸ δειλινό, πᾶμε στὸ σπίτι μας 
πᾶμε στὸ σπίτι μας ν᾿ ἀνάψουμε τὸ φῶς». 


                                                       Ἀθήνα, Φεβ. ’39 





L’ultimo giorno 


La giornata era fosca. Nessuno prendeva decisioni. 
Soffiava un vento lieve: «Non è greco, è scirocco» disse qualcuno. 
Qualche cipresso magro inchiodato al declivio e il mare grigio, 
con lagune di luce, laggiù. 
I soldati presentavano le armi quando venne una pioggia fina fina. 
«Non è greco, è scirocco»: l’unica decisione che si udì. 
Pure, lo sapevamo che l’indomani non avremmo avuto 
più nulla, né la donna che beve al nostro fianco il sonno, 
né la memoria d’essere stati uomini, una volta, 
più nulla, l’indomani. 

«Questo vento dà l’idea di primavera» mi diceva l’amica 
camminandomi a fianco e guardando lontano 
«di quella primavera calò improvvisa 
d’inverno presso il mare chiuso. 
Tanto inattesa. Tanti anni passati. Come 
morremo?» 

Girava una marcia funebre nella pioggia sottile. 
Come muore un uomo? Strano, nessuno ci ha pensato. 
E per chi ci ha pensato è stata come una reminescenza 
di certe vecchie cronache 
del tempo dei crociati o della naumachia di Salamina. 

Pure la morte è una cosa che succede: come muore un uomo? 
Pure la morte ognuno la guadagna, la sua morte che 
non è di nessun altro: 
questo gioco è la vita. 
Declinava la luce sulla giornata fosca. Nessuno 
prendeva decisioni. 
E l’indomani non avremmo avuto più nulla: una totale 
resa; neppure più le nostre mani; 
le nostre donne schiave di stranieri alle fontane 
e i nostri figli nelle latomie. 
Camminandomi a fianco cantava l’amica una canzone mutilata: 
«La primavera, e poi l’estate, schiavi…» 
Venivano alla mente vecchi maestri che 
ci lasciarono orfani. 
Una coppia passò chiaccherando: 
«La sera m’ha stufato, andiamo a casa, 
andiamo a casa a accendere la luce»


                                                       Atene, febbraio 1939 




Da Giornale di bordo, I, 1940, traduzione di Filippo Maria Pontani, in G. Seferis.  Poesie,  Mondadori, 
I edizione 1963





L’ ULTIMO GIORNO”. UNA VIDEO-LETTURA 



Grazia Apisa legge “L’ultimo giorno” di G. Seferis, 
dal volume “Poesie”, Mondadori, I edizione 1963 - traduzione di Filippo Maria Pontani. 
Musica: “Intervallo” di Arvo Pärt.












CONTATTI / CONTACTS
———————————————————
FacebookCaponnetto-Poesiaperta|Facebook  
______________________________________
______________________________________











4 commenti:

  1. « Appartengo ad un piccolo paese. Un promontorio roccioso nel Mediterraneo, niente lo contraddistingue se non gli sforzi della sua gente, il mare e la luce del sole. E' un piccolo paese, ma la sua tradizione è immensa ed è stata tramandata nel corso dei secoli senza interruzione. La lingua greca non ha mai cessato di essere parlata. E' passata attraverso tutti quei cambiamenti attraverso cui passano le cose viventi, ma non c'è mai stata una frattura. Questa tradizione è caratterizzata dall'amore per l'umano; la giustizia è la sua norma. Nelle tragedie classiche l'uomo che eccede la misura è punito dalle Erinni. E questa legge di giustizia ha valore anche nel regno naturale.
    Trovo significativo che la Svezia voglia onorare la poesia, anche quando origina da un piccolo paese. Perché credo che la poesia sia necessaria a questo mondo moderno in cui siamo affetti da ansia e paura. La poesia ha le sue radici nel respiro umano: e cosa mai saremmo se il nostro respiro dovesse venir meno? La poesia è un atto di fiducia: e chi sa se il nostro disagio non dipenda da una mancanza di fiducia?
    Oggi dobbiamo ascoltare quella voce umana che chiamiamo poesia, quella voce che rischia sempre di andare estinta per mancanza di amore, ma che sempre rinasce. Minacciata, trova sempre un rifugio. Rifiutata, rimette sempre radice nei luoghi più impensabili. Non fa distinzione tra luoghi grandi o piccoli; la sua patria è nel cuore degli uomini di tutto il mondo; essa ha la forza di scongiurare il circolo vizioso dell'abitudine. Sono grato all'Accademia di Svezia per essere consapevole di questi fatti »

    [ Giorgos Seferis, dal discorso di accettazione del premio Nobel ]

    RispondiElimina
  2. Non è facile stabilire cosa accada tra un uomo, il suo posto al mondo e la poesia. È sicuramente un trinomio che offre una giusta riflessione, una sintesi logica dell’empatia umana con ogni appartenenza fisica e psicologica. Tuttavia rimane l'indifferenza a minacciare il bene peculiare dell’uomo, riconducibile alla propria genesi geografica, a ciò che essa insegna ed impone. In questo contesto la poesia ha responsabilità di parola buona, ovvero di garanzia alla verità di ognuno. Deve essere vincolata e vincolante al più ampio rispetto etico dell’esistenza e della provenienza, quasi a volere salvare ogni testimonianza credibile della verità, della libertà più intima e pacifica.

    Sonia Tri

    RispondiElimina
  3. Penso che insieme ad Elytis ( ma ci metto pure Kavafis di Itaca) costituisca il meglio della cosiddetta generazione del '30, poeti che navigano in un declivio stranamente classico e a volte surreale, comunque cantori sanguigni dell'animo greco.

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace non essere capace di dire tante parole e importanti su quello che spesso leggo qui; semplicemente parto dal fatto che qualcosa ti tocca o non ti tocca, per cui, ancora, semplicemente grazie per avermi fatto conoscere questo autore. Il resto è poesia...

    Angela Greco

    RispondiElimina