mercoledì 19 febbraio 2014

JAROSLAV SEIFERT – ŠEST BÁSNÍ / SEI POESIE



              “ Dite, che fare dei poeti, 
              i quali vogliono esserci 
              quando sotto i colpi della civiltà 
              cominceranno a sgranarsi i bulloni del mondo, 
              e nei camici bianchi degli scienziati 
              le cuciture si strapperanno? 



Jaroslav Seifert. Poeta ceco (Praga 1901 - ivi 1986),  insignito del premio Nobel per la letteratura nel 1984.
Dopo il 1948 Seifert rinunciò al lavoro giornalistico di redattore per dedicarsi esclusivamente alla poesia. Nel clima dello stalinismo egli ricercò valori sicuri nella tradizione boema, nelle reminiscenze dell’infanzia e sul tema di Praga. Con la raccolta Šel malíř chudĕ do svĕta (“Andò il pittore povero nel mondo”, 1949) il poeta riscopre il mondo delle illustrazioni popolari di M. Aleš. I tredici rondò del ciclo Mozart v Praze (“Mozart a Praga”, 1951; trad. it. nell’antologia Vestita di luce. Poesie 1925-1967, 1986), intrisi di malinconia, sono stati antedatati al 1946 per eludere la censura. Vĕnec sonetů (“Corona di sonetti”), dello stesso periodo, uscì a distanza di anni, in un volume con Praha (“Praga”, 1956). Píseň o Viktorce (“La canzone su Viktorka”, 1950) fu condannata dalla critica ufficiale del periodo, che mal sopportò il senso tragico della vita che ne emana. In Maminka (“La mamma”, 1954) Seifert si rifugia nella memoria di un’infanzia povera e tuttavia ricordata con rimpianto; la raccolta ebbe una vasta popolarità e ottenne il premio di Stato. A partire dallo stesso anno iniziò la pubblicazione delle opere di Seifert in sette volumi (Dílo, “Opere”, 1954-70).
Negli anni Cinquanta il verso di Seifert sembra ormai fissato: melodico e armonioso, esso conserva una forma strofica e ricche rime regolari. Con la raccolta Koncert na ostrovĕ (“Concerto sull’isola”, 1965) sopravviene una sorprendente rigenerazione artistica: Seifert rinuncia in modo programmatico alle metafore e alla rima e nel suo verso libero penetrano toni da colloquio quotidiano. Le riflessioni sulla vita che inesorabilmente sfugge e i ricordi del passato si alternano a toni carichi d’ironia e durezza laddove Seifert parla della guerra o delle aberrazioni della società di oggi: come in Halleyova kometa (“La cometa di Halley”, 1967), Odlévání zvonů (“La colata delle campane”, 1967), Pražský hrad (Il Castello di Praga, in Carte segrete, 9, 1969). Più volte Seifert assunse posizioni coraggiose a favore della libertà di espressione nel proprio paese. Negli anni successivi all’intervento sovietico in Cecoslovacchia (1968) egli conobbe un nuovo periodo di ostracismo, rimanendo però sempre un autore molto letto e amato da un pubblico numeroso; tuttavia, mentre la sua opera precedente veniva riproposta in varie antologie, le poesie scritte negli anni Settanta circolarono a lungo solo in edizioni dattiloscritte. Deštník z Piccadilly (1979; trad. it., L’ombrello di Piccadilly, 1985) e Morový sloup (1977 e 1981; trad. it., La colonna della peste, 1985) uscirono all’estero prima che in Cecoslovacchia. Si tratta di raccolte in cui Seifert cerca la risposta alle angosce esistenziali e nello stesso tempo si aggrappa alla vita identificata con l’amore. La sperimentazione espressiva per alcuni aspetti riporta alla stagione poetica del Seifert giovane; vanno segnalati anche influssi del linguaggio biblico. Da menzionare a questo proposito il fatto che Seifert aveva tradotto, assieme a S. Segert, il Cantico dei cantici (Píseň písní, 1958).
L’ultima raccolta è intitolata Býti básníkem (1983; trad. it., Essere poeta, in antologia con L’ombrello di Piccadilly, citato). Il libro dei ricordi di Seifert porta il titolo programmatico di Ušecky krásy svĕta (1981 e 1982; trad. it., Tutte le bellezze del mondo, 1985).

Bibliografia in lingua italiana: 

Giovanni Giudici, Omaggio a Praga. Hold Praze, All’Insegna del Pesce d’oro, Milano 1968, pp. 82-93. 

A.M. Ripellino, Storia della poesia ceca contemporanea, Roma 1981. 

Jaroslav Seifert. Mozart a Praga. Tredici rondò su Praga (Mozart v Praze. Třináct rondeaux o Praze, 1951), sulla rivista «In forma di parole», Libro VII, Il Pomerio, Antologia poetica, traduzione di Sergio Corduas, Reggio Emilia, Elitropia Edizioni, 1983, pagg. 427-453. 

12 poesie di Jaroslav Seifert. Traduzione e presentazione di Sergio Corduas, Poiesis, Bologna 1984. 

Alena Wildová Tosi, Il poeta e il tempo«Nuova rivista europea», 1984, n. 10.

Jaroslav Seifert. La colonna della peste, traduzione e note a cura di Alena Wildová Tosi, presentazione di Giovanni Giudici – In appendice “Jaroslav Seifert o la fedeltà della memoria” di Alena Wildová Tosi, e/o, Roma 1985. 

Jaroslav Seifert. L’ombrello di Piccadilly e una scelta da Essere poeta, traduzione della prima opera di Ela Hlochova Ripellino, traduzione della seconda opera di Marie Leskovjan e Fiammetta della Seta, introduzione di Alena Wildová Tosi, illustrazioni di Ales Jiranek, e/o, Roma 1985. 

Jaroslav Seifert. Tutte le bellezze del mondo, a cura di Dario Masimi, Editori Riuniti, 1985. 

Jaroslav Seifert. Vestita di luce. Poesie 1925-1967, a cura di Sergio Corduas, Einaudi, Torino 1986. 

Jaroslav Seifert. Tutte le bellezze del mondo. Antologia poetica 1925-1967. La colonna della peste. L’ombrello di Piccadilly. Essere poeta, saggio introduttivo e note bio-bibliografiche di Jaroslava Marusková Demartis, traduttori vari, UTET, Torino 1987.  

Poesia europea del Novecento. 1900-1945, a cura di Piero Gelli, prefazione di Giovanni Raboni, Skira, Milano 1996. 


Fonti: per la biografia: http://www.treccani.it/; per la bibliografia italiana: varie



NOTA. Le opere che nella bibliografia appaiono contrassegnate con questa tonalità di rosso, sono quelle da cui abbiamo tratte le traduzioni che compaiono qui in basso, nella colonna di destra. I testi in lingua originale – fatta eccezione per l’ultimo, intitolato Býti básníkem, che proviene da un affidabilissimo sito di poesia in lingua ceca – riproducono tutti fedelmente i testi originali presenti nel libro Jaroslav Seifert. Vestita di luce. Poesie 1925-1967 (Op. cit.).





Verše 


S kým osamět, s kým zůstat sám 
a civět nad propastí? 
A plakat? Zaplakal jednou starý Abraham 
a anděl vzlétl v hermelínovém plášti. 

Já nevím, kde je sever, kompas lže 
a všecky dívky lžou. 
Běž na rozcestí, sloup ti ukáže 
tři cesty najednou. 

Z účesu židovek vlá silný pach, 
to léčí komety. 
Mé oči krouží v samých elipsách, 
jež nejsou viděti. 

Zapomněli jsme na musy, 
ty křídel nemají. 
Mít za milenky medusy, ach medusy, 
jež žhavě líbají. 

Z korálů berli a pak jít, 
kde vládnou sepie, 
velrybí mléko okusit, 
až ti je někdo nalije. 

Adié, adié, adié! 


«Slavík zpívá špatně» [«L’usignolo canta male»] (1926)





Mezi řádky 


Milión sto tisíc milostných psaní 
svobodných dívek a vdaných paní 
– včera jsem napsal o půlnoci 
miliónté stétisící první
a bylo mi jak po nemoci. 

Na kávovou lžičku třikrát denně 
lék užival jsem umíněnně, 
láska však, zdá se, 
je smrt v krásné masce. 

Milión dvakrát sto tisíc básní, 
to se lidé utěšují, když blázní, 
napsal jsem dneska 
milióntou dvakrát stotisící první, 
a není hezká. 

Kdybych tě viděl nahou na dně vany 
s koleny v těsném semknutí, 
tvé tělo by se podobalo psaní 
uprostřed s černou pečetí. 

Milión třikrát sto tisíc telegramů, 
celou noc plakal jsem na otomanu, 
srdíčka zvonků na telegrafním drátu, 
vlaštvoky štěbetají do aparátu 
a chystají se do Itálie. 

Milióntý třikrát stotisící první telegram: 
Usměj se na mě, umírám! 


«Poštovní holub» [«Il piccione viaggiatore»] (1929)





XIV 


Já pro vás přece zpívat chtěl, 
když už jen vítr naposledy
vedl si svou bez napovědy
v té tmavé noci bez světel.

S tím jménem na rtech půjdu k ní 
jak dítě, třeba do plamenů. 
Já miloval ji jako ženu, 
jíž choulíme se do sukní.

Tu rozmarnou, jíž v podpaží 
zní luna jako mandolína, 
i tu, která bdí na stráži

a drží ruku v orloji,
jenž jde a jde a nestojí.
Praha! To chutná jak hlt vína! 


«Věnec sonetů» [«Corona di sonetti»] (1951)





Jen jednou jsem spatřil 


Jen jednou jsem spatřil
slunce tak krvavé.
              A pak již nikdy.
Zlověstně padalo k obzoru
a zdálo se,
že někdo rozkopl dveře pekla.
Ptal jsem se na hvězdárně
a vím už proč.

Peklo známe, je všude
a chodí po dvou.
              Ale ráj?
Možná, že ráj není nic jiného
než úsměv,
              na který jsme dlouho čekali,
a ústa,
              která zašeptají naše jméno.
A pak ta krátká závratná chvíle,
kdy smíme rychle zapomenout
na to peklo. 


«Odlévání zvonů» [«La colata delle campane»] (1967)





Říkáte-li veršům také zpěv 


Říkáte-li veršům také zpěv
– a to se říkává –,
zpíval jsem celý svůj život.
A šel jsem s těmi, kdo neměli nic
a žili z ruky do huby.
Byl jsem jeden z nich.

Zpíval jsem jejich bolest,
              jejich víru, naději
a žil jsem s nimi vše,
co žili oni. I úzkost,
slabost, strach a odvahu
i smutek bídy.
A jejich krev, když tekla,
stříkala na mne.

Vždycky jí teklo dost
v té zemi sladkých řek, trav, motýlů
a náruživých žen.
I o ženách jsem zpíval.
Oslepený láskou
              potácel jsem se v životě,
zakopávaje o ztracený květ
či o schod katedrály

«Odlévání zvonů» [«La colata delle campane»] (1967)





Býti básníkem 


Život už mě dávno naučil, 
že hudba a poezie
jsou na světě to nejkrásnější, 
co nám život může dát. 
Kromě lásky ovšem.

Ve staré chrestomatii,
vydané ještě c. k. knihoskladem, 
v roce, kdy zemřel Vrchlický, 
vyhledal jsem pojednání o poetice 
a básnických ozdobách.

Pak jsem si dal do sklenky růžičku, 
rozžal svíčku
a počal psát své první verše. 

Jen vyšlehni, plameni slov, 
a hoř,
ať si třeba popálím prsty! 

Překvapivá metafora je víc 
než zlatý prsten na ruce.
Ale ani Puchmajerův Rýmovník
nebyl mi nic platný.

Marně jsem sbíral myšlenky 
a křečovitě zavřel oči,
abych zaslechl zázračný první verš.

Ve tmě však místo slov
zahlédl jsem ženský úsměv a ve větru
rozevláté vlasy.

Byl to můj vlastní osud.
Za ním jsem klopýtal bez dechu
celý život. 


«Býti básníkem» [«Essere poeta»] (1983)

++++++++++++++++++++++++++++                                     


Versi 


Isolarsi con chi, con chi restar solo 
e star piantati sopra l’abisso? 
E piangere? Pianse una volta il vecchio Abramo 
e un angelo s’involò in manto d’ermellino. 

Io non so dove è il Nord, mente il compasso  
e mentono tutte le ragazze. 
Corri al crocevia, tre vie insieme 
ti indicherà la colonna. 

Dai capelli delle giudee esala odore forte, 
sono le comete che volano. 
Mi ròteano gli occhi, ma solo a ellissi 
che non sono visibili. 

Abbiamo dimenticato le Muse, 
quelle senz’ali. 
Avere per amanti le Meduse, ah le Meduse, 
che dànno baci incandescenti. 

Un bastone di corallo e poi via, 
dove regnano le seppie, 
gustar latte di balene 
se qualcuno c’è che te lo versa. 

Adieu, adieu, adieu! 


Traduzione di Sergio Corduas, in «Vestita di Luce» (Op. cit.)





Tra le righe 


Un milione e centomila lettere d’amore 
di ragazze da marito e di signore –
proprio ieri ho scritto a mezzanotte 
alla milioncentomillesimaprima 
e mi sentivo con le ossa rotte. 

Tre volte al giorno un cucchiaino da caffè 
la medicina prendevo ostinato, 
ma a quanto sembra l’amore è 
una morte con il viso ben truccato. 

Un milione due volte centomila poesie, 
così ci si consola nelle follie, 
e proprio oggi ho scritto 
la milioneduecentomillesimaprima, 
che è bruttina. 

Se ti vedessi nuda sul fondo della vasca 
con le ginocchia strette strette, 
somiglierebbe il tuo corpo a una lettera 
con un bollo nel centro di nera ceralacca. 

Un milione tre volte centomila telegrammi, 
e io tutta la notte a piangere sul sofà, 
dai fili del telegrafo rondini a forma di cuore 
squittiscono sull’apparato trasmettitore, 
per l’Italia si accingono a partire. 

Il milionetrecentomillesimoprimo telegramma: 
Sorridimi, sto per morire! 


Traduzione di Giovanni Giudici, in «Poesia europea del 
Novecento. 1900_1945» (Op. cit.)




XIV 


Io volli qui così cantar per voi, 
mentre ora il vento per l’ultima volta
senza il suggeritore ripeteva
la sua nella notte priva di luci.

Sulle labbra il tuo nome, andrò da lei 
come un bambino, seppure bruciasse. 
Così l’amai, come s’ama una donna 
di cui la gonna il nostro corpo avvolge.

La capricciosa a cui sotto l’ascella 
suona la luna come un mandolino, 
e quella che veglia e monta la guardia

tenendo la mano in quell’orologio
che va e ancora va né mai più s’arresta.
Praga! Ha sapore di sorso di vino. 


Traduzione di Sergio Corduas, in «Vestita di Luce» (Op. cit.) 





Ho veduto solo una volta 


Ho veduto solo una volta
un sole così insanguinato.
              E poi mai più.
Scendeva funesto all’orizzonte
e sembrava
che qualcuno avesse sfondato la porta dell’inferno.
Ho domandato alla spècola
e ora so il perché.

L’inferno lo conosciamo, è dappertutto
e cammina su due gambe.
              Ma il paradiso?
Può darsi che il paradiso non sia null’altro
che un sorriso
              atteso per lungo tempo,
e labbra
              che bisbigliano il nostro nome.
E poi quel breve vertiginoso momento
quando ci è concesso di dimenticare velocemente
quell’inferno


Traduzione di Sergio Corduas, in «Vestita di Luce» (Op. cit.) 





Se dite che i versi sono anche canto 


Se dite che i versi sono anche canto
– e si dice –,
tutta la vita ho cantato.
E ho camminato con quelli che nulla avevano,
né luogo né fuoco.
Ero uno di loro.

Ne ho cantato il dolore,
              la fede, la speranza,
con loro ho vissuto
ciò che vissero. Angoscia,
debolezza, paura e coraggio,
e la tristezza della miseria.
E il loro sangue, quando scorreva,
spruzzava me.

Ne è scorso sempre abbastanza
in questo paese di dolci fiumi, erbe, farfalle,
e donne appassionate.
Anche le donne ho cantato.
Accecato dall’amore,
              nella vita ho brancolato,
inciampando in un fiore perduto
o gradino d’antica cattedrale

Traduzione di Sergio Corduas, in «Vestita di Luce» (Op. cit.)





Essere poeta 


Da tempo la vita mi ha insegnato
che musica e poesia
sono al mondo le cose più belle
che la vita può darci.
Oltre all’amore, ovviamente.

In una vecchia crestomazia
stampata all’epoca dell’Imperialregia Libreria,
nell’anno in cui moriva Vrchlický,
cercai una trattazione di poetica
e stili di poesia.

Poi misi una rosellina in un bicchiere,
accesi una candela
e cominciai a scrivere i primi versi miei.

Divampi pure la fiamma di parole
e arda, 
magari mi bruci le dita!

Una sorprendente metafora val più
che anello d’oro al dito.
Ma nemmeno il Rimario di Puchmajer
a niente mi servì.

Invano raccolsi i pensieri
e spasmodicamente chiusi gli occhi
per udire il primo meraviglioso verso.

Nell’oscurità invece di parole
scorsi un sorriso di donna e una chioma
svolazzante nel vento.

Fu il mio destino.
Dietro di lui ho arrancato
senza respiro per tutta la vita. 


Traduzione di Marie Leskovjan e Fiammetta Della Seta, in «L’ombrello di Piccadilly. Essere poeta» (Op. cit.)  
+++++++++++++++                                                                             





« … È l’interesse per i dettagli della vita quotidiana, avvolti dalla nostalgia dolce dei ricordi dell’infanzia e della prima giovinezza e dalla composta malinconia del tempo che passa, a ricreare nel Seifert di questa nuova fase (che durerà fin dopo la seconda guerra mondiale) l’armonia del lirico con il mondo, rendendo la sua poesia più intima e familiare. A questo corrisponde l’indebolimento delle perifrasi, della metaforicità, il ritorno alla denominazione diretta, l’uso della lingua parlata, una maggiore cura per la musicalità della composizione che con il verso rimato, ritmicamente perfetto e la divisione in strofe, acquista una melodicità neoclassica, inaspettata per la poesia ceca di questo secolo. Quando poi, durante i cupi anni dell’occupazione tedesca, questi elementi formali saranno utilizzati per cantare Praga, la terra boema, i classici della cultura ceca… Jaroslav Seifert si erge sotto ogni aspetto a poeta nazionale, perpetuando l’antica tradizione della storia di Boemia secondo cui sono i poeti a tenere viva la coscienza della nazione quando tutto sembra ormai perduto e l’annichilimento prossimo. Appartengono a questo periodo libri come La mano di Venere, Spegnete le luci, Vestita di luce, Il ponte di pietra, Il ventaglio di Bozena Nemcova.

Attivissimo nella vita culturale del primo dopoguerra, nel 1949 viene gradualmente emarginato (anche se ha ancora la possibilità di pubblicare i suoi versi), e solo nel 1956 ricompare nella vita pubblica con un coraggioso intervento al II Congresso dell’Unione degli scrittori cecoslovacchi contro i crimini dello stalinismo e per la riabilitazione di tutti gli scrittori ingiustamente perseguitati. Subito dopo, però, una lunga malattia lo terrà molto tempo lontano dai suoi lettori. Nessuno forse pensava che Seifert avrebbe aggiunto qualche tratto di novità alla sua biografia poetica quando nel 1965 esce Il concerto sull’isola, e invece con questa raccolta iniziava un nuovo ciclo, che potremmo definire di riflessione sulla vita, vista come uno sterminato mare di amarezza, ma che pure contiene qualche dolce goccia di felicità. Il poeta deve saper cogliere queste poche gocce e offrirle, sebbene con disillusione, nelle sue liriche…
Dopo una decennale parentesi di silenzio, seguente il suo breve periodo alla presidenza dell’Unione degli scrittori e durante la quale sottoscrive uno dei primi documenti di Charta 77 a favore della libertà di espressione, nel 1978 esce L’ombrello di Piccadilly, seguito poi da La colonna della peste nel 1981, dal libro di ricordi Tutte le bellezze del mondo nel 1982 e da Essere poeta nell’83. Continua con essi il ciclo iniziato quasi vent’anni prima. La sua lunga esperienza umana gli permette ora di guardare le cose attraverso lo spettro dei ricordi, che le rende distanti e oggettive, di parlare con i tanti amici poeti già morti e di ironizzare sui propri ancora tanto vivi desideri. Nell’universo poetico di questo ultimo Seifert, fatto di ricordi e di sogni, in cui anche lo stesso scenario di Praga sembra perdere i contorni reali per elevarsi a simbolo di un’età dell’oro nella quale bellezza e libertà camminavano solo insieme, ogni cosa ha il suo posto e il suo nome e il verso non ha bisogno di tanti orpelli che gli diano forza evocativa… Il suo verso, creando una musicalità diversa e sempre nuova, ha smesso gli abiti logori della regolarità, del ritmo e della rima, per sciogliersi in una lunga narrazione, talvolta interrotto solo da un’esclamazione e spesso intercalata dagli “oramai” di un uomo che sa che la morte si approssima e il tempo è diventato troppo breve per soddisfare ancora i suoi desideri. »


D. Massimi, in: Jaroslav Seifert, premio Nobel 1984, “L’altra Europa” 1/199 p. 22












CONTATTI / CONTACTS

———————————————————
FacebookCaponnetto-Poesiaperta|Facebook  
______________________________________
______________________________________












1 commento:

  1. Seifert è (e credo rimarrà a lungo), non solo in patria, una delle voci poetiche più amate. Questa ragione sarebbe già di per sé sufficiente a giustificarne la pubblicazione sul nostro blog. Ma un aspetto particolare di Seifert è che, dopo il lungo silenzio impostogli soprattutto da una lunga malattia, pur essendo già “vecchio”, non solo il suo stile ha saputo rinnovarsi, ma il suo far poesia si è irrobustito, la sua voce ha attinto a radici assai più profonde e collettive. Più di quanto non lo fossero già in tutta la sua opera precedente. Seifert? Un cantore nel senso greco di questo termine. La sua voce è quella di un intero popolo e di un’epoca intera, e tuttavia essa ha in sé la forza travalicare il proprio tempo storico.

    A. C.

    RispondiElimina