martedì 7 gennaio 2014

Jules Laforgue – Fra Pierrot ed Amleto – Poesie / Entre Pierrot et Hamlet – Poèmes


A sinistra (riproduzione “in seppia”), Franz Skarbina, Ritratto di Jules Laforgue, 1885, Staatsbibliothek Berlin.
A destra, Hamlet-Laforgue, locandina per l’omonimo lavoro teatrale andato in scena dal 30 marzo al 1° maggio 2011 alla Sala Atrium di Barcellona. La pièce è basata sul testo laforghiano Hamlet ou les suites de la pitié filiale, La Vogue, III, 1886, ristampato in Œuvres Complètes, Paris, Mercure de France, 1901, II, 17–72.

Nota bio-bibliografica 

Jules Laforgue nacque il 16 agosto 1860 a Montevi­deo, da una famiglia di origine bretone. All’età di circa sei anni fece ritorno con i suoi in Francia e si stabilì a Tarbes, nei Pirenei, città natale del padre, dove compì i suoi studi liceali. Nel 1876 si spostò con la famiglia a Parigi, prima in rue des Moines, poi al n. 5 di rue Berthelot. Ma ben presto i suoi tornano a Tarbes, eccetto la sorella, che però non tarderà anch’essa a lasciarlo. Frattanto è diventato segretario del critico e storico del­l’arte Charles Ephrussi (poi direttore della Gazette des Beaux-Arts). Nasce il suo amore per l’arte figurativa, per la pittura impressionista, per le stampe e le acqueforti, e il suo gusto del lugubre: ama i pittori di danze macabre; lui stesso, versato nel disegno, infiora i suoi manoscritti di figure di scheletri, spesso abbigliati in toga o in frac. Sempre in questo periodo di vita parigi­na stringe amicizia con Sandah Mahali (Madame Mültzer), con Charles Henry, con Paul Bourget, con Gustave Kahn (e ai due ultimi dedicherà le Complaintes e l’Imi­tation de Notre-Dame la Lune). Per interessamento di Charles Ephrussi è nominato lettore privato dell’impe­ratrice tedesca Augusta (1881). Nello stesso anno gli muore il padre (la madre gli era mancata nel 1877); con la sorella Maria si trova ad essere l’unico sostegno di una numerosa famiglia. In Germania rimarrà, a Berli­no, a Coblenza, a Baden, dal dicembre del 1881 fino al settembre del 1886, con frequenti ritorni in Francia e a Parigi. La lettura alla vecchia imperatrice gli occupa poco tempo; dispone quindi di molte ore da dedicare alla sua « vie de dilettante », al suo lavoro di poeta, ai suoi scritti filosofici e critici, all’annotazione di impres­sioni, osservazioni e pensieri, alle sue acqueforti. Ha inoltre frequenti occasioni di muoversi, di viaggiare, accompagnando la sovrana in tutti i suoi trasferimen­ti. In Germania legge Hartmann, Hegel, Spinoza, e s’i­nizia alla musica. Dopo le molte passioni platoniche del periodo francese, ama per un anno una misteriosa R., probabilmente una dama di corte dell’imperatrice. Nel gennaio 1886 conosce a Berlino Miss Leah Lee, giovane insegnante d’inglese, donna gracile e come lui debole di polmoni. Lasciato nel settembre 1886 il suo posto di lettore, la sposa a Londra nel gennaio 1887 e vengono a stabilirsi a Parigi. Accasciato dalle ristrettezze eco­nomiche e dalla poca salute muore in questa città il 20 agosto 1887 nella più assoluta miseria. La giovane moglie non tarderà a seguirlo, dopo meno di un anno. 

OpereLes complaintes (1885); Imitation de Notre-Dame la Lune (1886); Le Concile féerique (1886). Postumi apparvero le Moralités légendaires (sei racconti filosofici in prosa, 1887) e i Derniers vers (1890). Le Sanglot de la Terre, 29 liriche scritte fra il 1878 e il 1883, fu pubblicato nell’edizione delle Poésies complètes (1903); Œuvres Complètes (1924-25). 

Dal libro: « Poesie, di Jules Laforgue ». Prefazione, traduzione, note e bibliografia a cura di Luciana Frezza, Lerici editori, Milano 1965. 



Note per il lettore


Riguardo alle traduzioni in italiano dei sette testi poetici qui di seguito pubblicati, occorre precisare che: 
       1) Le traduzioni delle prime quattro poesie sono di Bruno Gaeta (salvo l’esergo alla quarta, di cui diremo nella nota 3) e fanno parte del libroBruno Gaeta, ANTOLOGIA BILINGUE DELLA POESIA FRANCESE DALLE ORIGINI A OGGI, Serarcangeli, Roma 1998; 
      2) Le traduzioni delle successive tre poesie sono di Luciana Frezza e fanno parte del libro: « Poesie, di Jules Laforgue ». Prefazione, traduzione, note e bibliografia a cura di Luciana Frezza, Lerici, Milano 1965 (Op. cit.); 
       3) L’esergo shakespeariano alla poesia Dimanches - non riportato nel citato libro di Bruno Gaeta, ma presente in « Poesie, di Jules Lafor-gue » (Op. cit.) - viene qui riproposto sia nella stesura laforghiana in lingua inglese che nella traduzione data da Luciana Frezza nel citato libro da lei curato e tradotto.





Complainte de l’organiste de Notre-Dame de Nice  


Voici que les corbeaux hivernaux 
Ont psalmodié parmi nos cloches, 
Les averses d’automne sont proches, 
Adieu les bosquets des casinos.

Hier, elle était encor plus blême, 
Et son corps frissonnait tout transi, 
Cette église est glaciale aussi! 
Ah! nul ici-bas que moi ne l’aime.

Moi! Je m’entaillerai bien le cœur, 
Pour un sourire si triste d’elle! 
Et je lui en resterai fidèle 
À jamais, dans ce monde vainqueur.

Le jour qu’elle quittera ce monde, 
Je vais jouer un Miserere 
Si cosmiquement désespéré 
Qu’il faudra bien que Dieu me réponde!

Non, je resterai seul, ici-bas, 
Tout à la chère morte phtisique, 
Berçant mon cœur trop hypertrophique 
Aux éternelles fugues de Bach.

Et tous les ans, à l’anniversaire, 
Pour nous, sans qu’on se doute de rien, 
Je déchainerai ce Requiem 
Que j’ai fait pour la mort de la Terre!


Le Sanglot de la Terre 




Pour le livre d’amour 



Je puis mourir demain et je n’ai pas aimé. 
Mes lèvres n’ont jamais touché lèvres de femme, 
Nulle ne m’a donné dans un regard son âme, 
Nulle ne m’a tenu contre son cœur pâmé.

Je n’ai fait que souffrir, pour toute la nature, 
Pour les êtres, le vent, les fleurs, le firmament, 
Souffrir par tous mes nerfs, minutieusement 
Souffrir de n’avoir pas d’âme encore assez pure.

J’ai craché sur l’amour et j’ai tué la chair! 
Fou d’orgueil, je me suis roidi contre la vie! 
Et seul sur cette Terre à l’Instinct asservie 
Je défiais l’Instinct avec un rire amer.

Partout, dans les salons, au théâtre, à l’église, 
Devant ces hommes froids, les plus grands, les plus fins, 
Et ces femmes aux yeux doux, jaloux ou hautains 
Dont on redoraient chastement l’âme exquise,

Je songeais: tous en sont venus là! J’entendais 
Les râles de l’immonde accouplement des brutes! 
Tant de fanges pour un accès de trois minutes! 
Hommes, soyez corrects ! ô femmes, minaudez!


Le Sanglot de la Terre 




Complainte de la vigie aux minuits polaires


Le Globe, vers l’aimant, 
Chemine exactement, 
Teinté de mers si bleues 
De cités tout en toits, 
De réseaux de convois 
Qui grignotent des lieues.

Ô ma côte en sanglots! 
Pas loin de Saint-Malo, 
Un bourg fumeux vivote, 
Qui tient sous son clocher, 
Où grince un coq perché, 
L’Ex-Voto d’un pilote!

Aux cierges, au vitrail, 
D’un autel en corail, 
Une jeune madone 
Tend d’un air ébaubi 
Un beau cœur de rubis 
Qui se meurt et rayonne!

Un gros cœur tout en sang, 
Un bon cœur ruisselant, 
Qui, du soir à l’aurore, 
Et de l’aurore au soir, 
Se meurt, de ne pouvoir 
Saigner, ah! saigner plus encore!


Les Complaintes 




Dimanches 


                                                                                    Hamlet :  Have you a daughtcr? 
                                                                                    Polonius :  I have, my lord. 
                                                                                    Hamlet :  Let her not walk in the sun : 
                                                                                    conception is a blessing; but not as your 
                                                                                    daughter may conceive. 



Le ciel pleut sans but, sans que rien l’émeuve,
Il pleut, il pleut, bergère! sur le fleuve…

Le fleuve a son repos dominical;
Pas un chaland, en amont, en aval.

Les Vêpres carillonnent sur la ville,
Les berges sont désertes, sans idylles.

Passe un pensionnat (ô pauvres chairs!)
Plusieurs ont déjà leurs manchons d’hiver

Une qui n’a ni manchon, ni fourrures
Fait, tout en gris, une pauvre figure.

Et la voilà qui s’échappe des rangs,
Et court! Ô mon Dieu, qu’est-ce qu’il lui prend

Et elle va se jeter dans le fleuve.
Pas un batelier, pas un chien Terr’Neuve.

Le crépuscule vient; le petit port
Allume ses feux. (Ah! connu, l’décor!)

La pluie continue à mouiller le fleuve,
Le ciel pleut sans but, sans que rien l’émeuve.


Des fleurs de bonne volonté

++++++++++++++++++++++++++++                                     


Lamento dell’organista di Notre-Dame di Nizza  


Ecco, i corvi invernali
Han salmodiato in mezzo alle campane,
I rovesci d’autunno son vicini,
Addio piccoli boschi dei casini.

Ieri era ancor più livida, 
Rabbrividiva tutta intirizzita, 
Ed è gelida pure questa chiesa! 
Ah tranne me quaggiù nessuno l’ama! 

Io, io mi ferirei senz’altro il cuore
Per un dei suoi sorrisi così tristi!
E per sempre le resterò fedele
In questo mondo che ci spadroneggia.

II giorno in cui la terra lascerà
Mi metterò a suonare un Miserere
Così cosmicamente disperato
Che Dio dovrà rispondermi per forza!

Purtroppo resterò solo quaggiù, 
Dedito a quella cara morta tisica, 
Cullando il cuore mio troppo ipertrofico 
Con le fughe di Bach imperiture. 

E tutti gli anni, nel suo anniversario,
Per noi due, senza che nessun lo immagina,
Scatenerò il mio Requiem
Composto per la morte della Terra!


 




Per il libro d’amore 



Posso morir domani e non ho amato. 
Le labbra mie non hanno mai toccato labbra di donna,
Nessuna m’ha donato l’anima in uno sguardo,
E nessuna m’ha stretto sul suo cuore estasiato. 

Non faccio che soffrire, per tutta la natura, 
Gli esseri, il vento, i fiori, il firmamento, 
Soffrir con tutti i nervi, pienamente 
Soffrir per non aver l’anima ancora a sufficienza pura.

Sputato ho sull’amore ed ucciso la carne! 
Mi son folle d’orgoglio irrigidito contro la vita! 
E solo sulla Terra all’istinto asservita 
Io sfidavo l’istinto con un amaro riso.

Nei salotti, a teatro, in chiesa, ovunque 
Innanzi a uomini freddi, raffinati, importanti, 
Ed a donne dagli occhi dolci, gelosi o alteri 
A cui rindoreremmo castamente 
L’anima lor squisita.

Pensavo: tutti lì sono giunti! Udivo 
Gli ansiti dell’immonda congiunzione dei bruti! 
Quanto fango per uno sfogo di tre minuti! 
Maschi, siate corretti! Donne, datevi alle moine. 

 




Lamento della vedetta alle mezzenotti polari


Il Globo verso la calamita 
Cammina con precisione, 
Tinto da mari azzurri, 
Da città fitte di tetti 
E da reti di convogli 
Che sgranocchiano leghe. 

O coste mie singhiozzanti! 
Non lungi da Saint-Malo 
Vivacchia un borgo fumoso 
Che conserva sotto il campanile, 
Su cui un gallo appollaiato stride, 
L’ex-voto d’un suo pilota!

Sotto la vetrata, in mezzo ai ceri 
D’un altare di corallo, 
Una giovane Madonna 
Tende con aria stupita 
Un bel cuore di albino 
Che spegnendosi sfavilla!
Un gran cuore sanguinante,

Un buon cuore ruscellante
Che, dalla sera all’aurora
E dall’aurora alla sera,
Va spegnendosi perché non può
Sanguinare, sanguinare, toh,
Ancora di più! 






Domeniche  


                                                                                    Amleto :  Avete una figlia? 
                                                                                    Polonio :  Sì, mio signore. 
                                                                                    Amleto :  E allora state  attento  che non 
                                                                                    passeggi al sole : concepire è una bene- 
                                                                                    dizione, ma non certo  nel  modo  in  cui 
                                                                                    potrebbe concepire vostra figlia. 


Piove senza uno scopo, un nulla che commuova il cielo, 
Piove, pastora, piove sopra il fiume… 

Il fiume ha il suo domenical riposo. 
Non una chiatta, né a monte né a valle.

Sulla città lo scampanio dei Vespri, 
Le rive son deserte, senza idilli.

Passano le educande (o che povere carni!) 
Con l’invernale manicotto alcune.

Una senza pelliccia o manicotto 
Fa, tutta in grigio, misera figura.

Ed ecco scappa fuori dalle righe
E corre! Santiddio, che mai le ha preso?

Va a buttarsi nel fiume.
Ci fosse un barcaiolo, un terranova.

Il crepuscolo giunge; il porticciuolo 
Accende le sue luci. (Scenario conosciuto!).

Sempre continua a piovere sul fiume, 
Piove senza uno scopo, un nulla che commuova il cielo. 




+++++++++++++++                                                                             



Le Sanglot de la Terre

Les Complaintes

Des fleurs de bonne volonté



Jules Laforgue
[...] l’esperienza poetica di Laforgue[...], compiutasi nell’arco brevissimo della sua vita (1860-1887), ha avuto, per la vasta gamma di riflessi di cui, più o meno, ha investito sensibilità moderne pronte ad accoglierli e a riviverli ciascuna secondo la propria natura e tradizione, un’enorme importanza nei confronti della poesia del ’900 (e non solo europea). Questo merito di iniziatore gli è del resto ampiamente riconosciuto dalla critica ed è di gran lunga maggiore della sua notorietà. Basterà qui accennare alla scoperta di Laforgue da parte di uno dei maggiori poeti del nostro secolo, T. S. Eliot, che, specialmente nelle sue prime poesie (quelle del volume Prufrock del 1917), raccoglie il suo insegnamento di uno stile poetico aperto largamente al prosaico e al banale, articolato in amari e rassegnati commenti al nonsenso, al vuoto, al grigiore e all’orrore dell’esistenza. Laforgue si colloca anche, idealmente, alle spalle di un altro poeta di non minore importanza, Eugenio Montale, che sembra continuarne, a un intervallo di quarant’anni circa, il lavoro iniziato (parallelamente a Gustave Kahn) sul verso libero, in entrambi strettamente aderente ai moti dell’animo e che Laforgue cominciava, nei Derniers Vers, a trapungere di rime interne, di assonanze a scapito delle rime, modulandone più finemente le vibrazioni, complicandone l’ordito musicale; procedimento che porterà al dimesso, ma penetrante e insistente canto degli Ossi di Seppia, a quell’incalzare di note e di timbri collegati in una fitta orchestrazione, che formerà la musica delle più belle poesie delle Occasioni, di « Notizie dall’Amiata ». 
Quasi ovvio, ma non inutile, pensare a Corazzini, a Govoni, ai nostri crepuscolari, cui dal Belgio e dalla Francia era arrivata la suggestione delle cattedrali gelide e oscure, il linguaggio degli arredi sacri, la tematica degli organetti di Barberia, della malinconia domenicale, delle campane; tematica che in Laforgue appare inventata, nata per forza propria a rivestire di simboli quotidiani il suo male di esistere, il suo nihilismo, a triturare in minutissime, acuminate scaglie il suo Ennui. Naturalmente, nessuno di questi poeti del ’900, se poeti furono, grandi o piccoli, e tra loro con una sua esile ma inconfondibile voce il nostro Corazzini, ha attinto consapevolmente a Laforgue, eccetto il primo Eliot, che anche per il suo gusto di trasposizioni e giustapposizioni (gusto che del resto aveva in comune col nostro poeta), in diversi passi si esprime deliberatamente con i suoi accenti: si vuole soltanto dire che si tratta, in Laforgue, di una sensibilità, di un gusto, di una disposizione dello spirito vicinissimi a quelli degli artisti della prima metà del ’900, e, sulla pagina, di ricerche stilistiche che rappresentano una vera scorciatoia in direzione della poesia contemporanea. 
In anticipo sul suo tempo, Laforgue è difficilmente associabile a questa o a quella delle tante correnti che movimentavano in quegli anni la vita letteraria parigina. Dalla scuola simbolista col suo dogmatismo estetico, lo vediamo piuttosto appartato — e del resto vive gran parte dell’anno lontano da Parigi, in Germania, per il suo incarico di lettore dell’imperatrice tedesca Augusta — ma la ragione più profonda è forse che del simbolismo egli partecipa in una sua maniera particolare. Osserviamo, per esempio, che non agisce in lui lo scatto dell’analogia, e lo stesso simbolo è disimpegnato da ogni azione o intento conoscitivo, da ogni rischiosa spedizione nell’Assoluto, ma rimane passivamente e pateticamente « a terra », come un linguaggio d’immagini in cui si traduce il suo sentimento e nulla più. Ma proprio in questo assoluto scetticismo, che investe la sua stessa poesia, demistificandola, aprendola alla prosaicità e modellandola ad imitazione della banalità e della noia della vita, è insito il mordente della sua attualità. Rispetto alle grandi figure che dominano in Francia la fine dell’800, egli è non soltanto « minore », ma profondamente « diverso », di una diversità che è come una strana malattia: Baudelaire, pur così sconvolgente nelle intuizioni critiche che al simbolismo preparano la via, ci si presenta ancora avvolto in classici drappeggi, e Mallarmé, isolato con la sua inestinguibile brama di Assoluto e curvo sulla nobile ironia dei suoi enigmi, così distillata, rispetto alla comicità dall’aria sbadata, all’autoironia laforghiana, ci sembra avere ancora tanta fede nella sua arte, nella parola e nel suo potere evocativo, da venderne al povero Jules, che dagli ultimi suoi versi, sull’orlo dell’abisso, si limita a cercare, unica azione possibile, il modo più distaccato, più « artistico » per amare un sogno, una povera illusione da esteta maniaco per disperazione.
E né nell’estetismo dannunziano, o nel crepuscolare, falso languore del Poema Paradisiaco, né nel dolce paesaggio pascoliano, compostamente classico nella sua dolorosa meraviglia, tanto per nominare due poeti italiani più vicini a lui nel tempo, la cui novità risiede, storicamente parlando, più che altro nel mestiere, nell’affinamento dei mezzi tecnici, troviamo una modernità così di fondo come in Laforgue, sotto forma di quel tarlo che mette in crisi un mondo in cui ogni valore aveva il suo posto preciso, che tutto livella e distrugge. Amleto, e cioè l’uomo moderno incapace di azione immediata ed interamente partecipe, è l’eroe con cui ripetutamente Laforgue s’identifica. In una di quelle Moralités Légendaires che continuano ed esasperano la tematica della sua poesia (di cui investe, parodiandole, celebri figure e situazioni letterarie e mitologiche) in una prosa composita, in cui una perizia estrema maschera la confessione delle sue più acute ossessioni, egli ci offre di Amleto un ritratto che, nella finta frenesia ogni momento sconfinante in una frenesia vera di noia, di disgusto, d’impotenza, nell’acquisita stilizzazione di alcuni gesti, nell’ironico realismo, nelle selvagge aperture sull’Inconscio, s’avvicina parecchio alle più recenti interpretazioni dell’immortale personaggio. 



Nel vasto e vario panorama del decadentismo, Laforgue ci sembra dunque occupare un posto a sé, equidistante sia dal vuoto e sterile estetismo, sia dalle punte estreme del simbolismo più fecondo; e mentre tutta la sua opera poetica si configura come una grande analogia della vita umana nel suo tran tran, nell’eterna vicenda delle stagioni, perennemente all’ombra della morte, così egli rimane, attaccato ai suoi spleens e con l’unica evasione dei suoi lazzi clowneschi e dei suoi Pierrot, come lui stesso il simbolo d’una sensibilità particolare. Sensibilità che, per la sua originalità e per l’eccentrica, inquieta e approfondita ricerca formale che stimola — soverchiando in robustezza e lucidità quella che sarà la sensibilità crepuscolare propriamente detta e i suoi languidi, se pure suggestivi e non sterili prodotti — non si può definire altrimenti che « laforghiana ». 

Le fasi di sviluppo cui sopra si accennava, sono ben delineate e chiaramente documentate dalle sei raccolte di cui si compone l’intera opera poetica di Jules Laforgue, e cioè: Le Sanglot de la Terre - Les Complaintes - L’Imitation de Notre-Dame la Lune - Des Fleurs de Bonne Volonté - Le Concile Féerique - Derniers Vers, delle quali furono pubblicate per espressa volontà del poeta soltanto Les Complaintes (1885), L’Imitation de Notre-Dame la Lune selon Jules Laforgue (1886) e Le Concile Féerique (1886), più tutte le poesie che formano la raccolta, pubblicata postuma, dei Derniers Vers, che uscirono in vari numeri della rivista La Vogue mentre era ancora vivo. Una curiosità parecchio significativa: tra le sue carte è stata trovata una nota esprimente il desiderio di abolire le maiuscole in principio di verso, cioè di usarle solo quando la sintassi lo esiga. Laforgue sentiva dunque già l’esigenza di questa modificazione tipografica che solo molto più tardi doveva essere stipulata di comune accordo da un certo numero di poeti. La ristampa del 1951 dell’edizione del Mercure de France, su cui è stata condotta la presente traduzione, continua, sulle orme della I edizione delle opere complete (pubblicata dallo stesso Mercure de France all’inizio del ’900), a non tener conto di questo sensato desiderio dell’autore: ci vantiamo perciò di essere i primi, con la presente antologia, ad averlo accontentato a questo riguardo.
Il primo orientamento circa la direzione in cui il poeta si muove ce lo danno proprio questi rifiuti in blocco di interi volumetti di poesie, e cioè del primo e del quarto — rifiuti di cui esiste ampia documentazione nell’epistolario (lettere alla sorella Maria, al poeta Gustave Kahn, all’amico Charles Henry). In Le Sanglot de la Terre, che comprende poesie scritte fra il 1878 e il 1883, Laforgue ci si presenta come poeta cosmico; lo smarrimento e l’impotente rivolta dell’uomo solo difronte al « caro Tutto », enorme macchinario inutile, ne sono il tema dominante. Ciò che costituisce però la singolarità di questa raccolta e che ne rende interessante la lettura, sono quegli squarci da cui già s’affaccia, in mezzo ai versi filosofeggianti, qua e là retorici e melodrammatici, il vero volto del poeta. E sono, oltre le docce fredde del sarcasmo, una religiosità ferita di doloroso scetticismo, una strana, particolarissima nota di patetica affettuosità planetaria e spaziale, che ha un curioso sapore ai giorni nostri. Laforgue sembra più volte sul punto di inventare un Dio per quest’universo insensato, un Dio la cui assenza, più volte ribadita, è sentita come assenza di un cuore, di una coscienza, di un Testimone, spesso di un Padre, non fosse che per poterglisi filialmente ribellare. La supposta, vagheggiata presenza d’« umanità sorelle » sparse su altri mondi, tristi e sperdute come noi, è intercalata ad immagini umanizzate di Nebulose madri, di stelle patriarcali, di padri Soli, fratelli del nostro e immaginati più felici, forse nell’illusorio sollievo di una voluttuosa malinconia, permeata di quel senso d’« esilio » che racchiude struggimento e nostalgia di felicità (della parola « exil » Laforgue formerà vari derivati e coniugherà più volte « exiler » con questo significato.) Quell’amore che egocentrismo ed estetismo gli renderanno così difficile sulla terra, l’amore per i suoi simili o quello per una donna, sembra spiccare il volo direttamente nello spazio [...]


Dall’ Introduzione di Luciana Frezza al libro « Poesie, di Jules Laforgue ». Prefazione, traduzione, note e bibliografia a cura di Luciana Frezza, Lerici editori, Milano 1965 (Op. cit.) 







CONTATTI / CONTACTS
———————————————————
FacebookCaponnetto-Poesiaperta|Facebook  
______________________________________
______________________________________









7 commenti:

  1. La poesia di Jules Laforgue, pur appartenendo al XIX secolo, ha aperto impensabili brecce nel secolo successivo, impregnando di sé in modo assai visibile e complesso sia il modo di far versi che la poetica di molti suoi futuri colleghi, fra i quali alcuni grandi rappresentanti della poesia del '900, ma anche del teatro, del cinema degli inizi e di altre forme di scrittura e d'arte. Non ci è parso possibile dunque passare ulteriormente sotto silenzio una tale preziosa presenza. I contributi di cui ci siamo avvalsi non sono peraltro nuovi di zecca, ma hanno il pregio fondamentale della seria e approfondita ricerca sia dal punto di vista letterario e poetico che semantico e traduttorio. Speriamo che, in questo senso, il nostro tentativo di presentazione risulti utile e gradito al lettore.

    Antonino Caponnetto

    RispondiElimina
  2. Sono contentissima di leggere un buon anzi ottimo articolo su Laforgue, esperienza poetica da me personalmente conosciuta da non molto, ma che con una certa sorpresa ho notato non essere condivisa da tanti, forse perché estraneo ai circuiti di qui poeti "di moda" che fanno tanto clangore solo a dirne che se ne legge a riguardo. La scelta dei testi molto interessante e le note in aggiunta costituiscono un ottimo spunto di (ri)conoscenza dell'autore e, per quanto mi riguarda, un bell'argomento quasi quasi da "studiare"!! Grazie di cuore, Nino e ben ritrovato anche in questo nuovo anno, che spero tu voglia rendere ancora (e per molto) più interessante con il lavoro su questo blog.

    Angela Greco

    RispondiElimina
  3. Molto colpita da questo autore. Trovo la sua poesia malinconica eppure tanto poderosa, a tratti molto originale e ben calibtrata. Felice di averlo conosciuto e grazie a te, Antonino per avermene dato la possibilità ! nunzia binetti

    RispondiElimina
  4. Finora di Laforgue conoscevo, per averlo letto in rete, soltanto, proprio quel lavoro delle Moralità Leggendarie che è citato sotto le prime due due foto del post e cioè "Amleto ovvero le conseguenze della pietà filiale" nella traduzione di Nelo Risi. Ma queste poesie sono altro e molto di più, perché pur ricordando il nostri decadenti hanno una autoironia, e una disperazione, e un Ennui molto più profondi e veri rispetto ai nostri connazionali, forse però a eccezione di Corazzini... Grazie, Antonino. Marco Tebaldi

    RispondiElimina
  5. Non sono del tutto d'accordo con Marco Tebaldi su quello che può considerarsi più o meno vero, più o meno profondo in Laforgue. Direi che i suoi atteggiamenti da clown, le sue pose da "annoiato" volessero nel profondo esorcizzare la paura della solitudine e gli assalti della disperazione. Tali atteggiamenti erano intrinseci della consunzione di un'epoca, di una società, di una cultura ormai chiaramente volte verso il nichilismo e la svalorizzazione, così chiaramente svelati da Nietzsche. Che fossero esorcismi o tratti connaturati dell'individuo, essi erano ormai dei ben precisi fondamenti di un'epoca aurea eppure malata. E' questa duplicità a emergere chiara, prepotente, profonda, tanto da costituire il tratto peculiare, distintivo dei versi e dell'opera tutta di Laforgue, che del suo tempo fu umile attore, ma senza dubbio grande precursore rispetto a quello che ci aspettava non solo in campo poetico ma nell'arte, nella cultura, nella società. G. Antinori

    RispondiElimina
  6. ho nominato il tuo blog per il LIEBSTER AWARD!
    qui il link della nomina http://ilsassonellostagno.wordpress.com/2014/01/11/liebster-award-conosci-e-diffondi-nuovi-blog/

    grazie per il tuo lavoro di blogger!!!!

    RispondiElimina