giovedì 17 ottobre 2013

Santo Calì - Due poesie da LA NOTTI LONGA


“ ... vivete con la fantasia, siate polemici, la polemica sviluppa lo spirito critico, e vi aiuta a non accettare supinamente e passivamente tutto ciò che vi propinano e vi fanno credere ... Scrollatevi di dosso le inibizioni, siate attivi, vivi, giovani... dissentite con forza e con fermezza da tutto ciò in cui non credete...”




Santo CalìNato a Linguaglossa (Catania) nel 1918, vi morì nel 1972. Professore di Lettere negli istituti superiori, ha tradotto autori greci e latini, da Fedro a Marziale, da Giovenale all’Antologia Palatina; ed ha anche partecipato al movimento d’avanguardia di «Antigruppo» (in particolare con la collaborazione della rivista «Antigruppo 73»). L’ultimo poema, Uossiph Shyryn, è uscito a Trapani nel 1980, postumo, a cura di N. Scamacca. Tra le sue opere in dialetto si ricordano: Mungibeddu, Catania 1947; Epigrammi di Marziali (o quasi), traduciuti cu cuscienza di lupu, ivi 1966; Frati Gilormu, ivi 1966; Mara Sgamirria, ivi 1967; Répitu d’amurri, Ragusa 1967; Canti siciliani, Catania 1968; La notti longa, 2 voll., ivi 1972. 



NOTA PER IL LETTORE

Entrambi i testi originali in lingua siciliana qui proposti fanno parte della raccolta La notti longa e sono tratti dall’antologia Poesia dialettale dal Rinascimento a oggi, introduzione, scelta dei testi, note e commenti di Giacinto Spagnoletti e Cesare Vivaldi, volume secondo, Garzanti, 1991. 


La traduzione di CUNTAVA STIDDI E PENI, PENI E STIDDI è posta, nell'antologia citata, in calce al testo siciliano, ma senza barre né altri segni che consentano di individuarne i singoli versi. Questa traduzione è di C. Pirrera. Su di essa ho lavorato un po’, individuando facilmente la sequenza dei versi e mettendo questi in corrispondenza con gli originali. Ma alcuni luoghi della traduzione mi lasciavano piuttosto perplesso. Perciò ho ritenuto necessario, ai fini del significato, cambiarvi due versi (uno dei quali ricorre più volte) ed aggiungerne uno mancante. 

La traduzione di [TI BATTU APPRESSU NOTTI E JORNU, O MORTI] è invece completamente mia. 
Come si può facilmente verificare, nel web sono reperibili alcune poesie di Santo Calì, ed esiste perfino qualche buona traduzione in italiano del primo testo qui proposto. Ma non ne ho trovata nessuna che fosse almeno passabile per il secondo. Di qui la necessità di tradurlo io stesso, avendo anche constatato che, nell’antologia citata (contrariamente a quel che lì vien detto), in calce al testo siciliano, è riportata non tanto una traduzione, quanto una liberissima riscrittura della poesia originale, riscrittura stilata dallo stesso Calì in italiano, ma, in tutta evidenza, totalmente inutilizzabile ai fini di una traduzione. Ho perciò provato a tradurre questo secondo testo. L’esito (almeno a me) pare piuttosto soddisfacente. Nutro però l’ovvia speranza che anche il lettore possa a suo modo apprezzarlo
Antonino Caponnetto





CUNTAVA STIDDI E PENI, PENI E STIDDI 
Quannu jù moru vènicci a Schisò, nta na notti d’austu comu a chista, ca li schiggi allimati di l’ojetra a la luna cci perciunu lu cori. Lu mari agghica di luntanu e sbroma rèpiti longhi d’amanti ammucciati sutta linzoli d’àlichi di sita e mentri l’ascutamu, ahiahi, lu pedi s’affunna nta la rina e non putemu cchiù fujiri e pir chistu n’abbrazzamu, ni strincemu, mpazzuti, ni mplicamu, stanchi ni pircantamu nta la ribba a ’scutari la storia di lu mari. E lampari ca scociunu tunnina. Quannu jù moru venicci a Schisò nta na notti d’austu comu a chista, jisa la canna e attizzacci la vita nta l’occhiu a lu palàmitu firutu ca sbattulìa supra la ribba giarna e ribbugghi di sancu la scumazza. E lampari ca scociunu tunnina. Quannu jù moru vènicci a Schisò nta na notti d’austu comu a chista a chianciri lu chiantu di li stiddi ca tummanu nta l’acqua arrisagghiata a nova spirlucenza, allaricannusi, macchia d’oghiu assajata di cardùbbuli. E lampari ca scociunu tunnina. Sulu nta la pupidda to gilestri la Puddara è mimoria di lu celu! Quannu jù moru vènicci a Schisò nta na notti d’austu comu a chista, a sparmari la trizza sutta un ramu di calìppisu, a sentiri la vuci nostra ca mpiducchiata nta li fogghi tesci fulinia spana di silenziu ca si sciogghi a riciatu di gricali. E lampari ca scociunu tunnina. Quannu jù moru vènicci a Schisò nta na notti d’austu comu a chista ca ntra lu scàttiu di lu manzijornu a ntunari la brogna nta la vampa di lu suli mirìu. Ricogghi tutti li pisci di lu mari pi cuntaricci tra na risata e n’autra la storia di ddu pazzu d’amanti, c’ogni sira a ribba di lu mari di Schisò, abbrazzatu cu tia, o Jàjita Azzola, cuntava stiddi e peni, peni e stiddi. E lampari ca scociunu tunnina! 

 
[TI BATTU APPRESSU NOTTI E JORNU, O MORTl]
Ti battu appressu notti e jornu, o morti — comu na picciridda c’assicuta la luna, — pi vardàriti nta l’occhi e lassàrimi stringiri, accucciata a lu pettu, dintra li to brazza sutta la rama d’un pircocu. E un pugnu di fogghi sicchi pi cuperta. Tu cci rubbasti a un garzuni di culatru li vavareddi, virdi di trifogghiu pruvuligghia di rèsina a sturdìrimi li senzii, e stizzi di mistura, — jàngili spirlucenti d’azzolu ma fulinji bianchi, — e ballu smarmànicu d’ariddi ’n calura, a pintijarimi la peddi, sinu a quannu lu cori ’un si svacanta mansu, a cunortu di travagghiu a scanciu. Ojetra d’aria, tu mi lu prijinchi di sardi arrusbigghiati a maravigghia d’alba, e mi vunchi li vini di scuma di mari e m’accumpagni a spassijari ìi li finàiti di li celi ncontru a lu suli ca spunta ogni matina. Li me pinzeri allura, dintra nidu a forma d’ìcchisi, aspettanu rìnniri na vota l’annu a cuva di picciuni. Stanotti, o morti, ti vegnu a truvari, nta la sirba, cà arretu a li me spaddi sciodda lu tempu e non cc’evi rimorsu pi lu caminu! Oh, vidiri, cu tia, lu sonnu di lu pisci spatu e ciàvuli appinnicati ntra ramagghia d’iliciu! Lu banchettu evi prontu, un ciriveddu mascu di fantasia supra linzolu tènniru d’erba e ciuri di San Petru e tu, ’n cumpenzu, o morti, fammi biviri l’ultima tracuddata di la luna!... Sulu accussì, mbrijaca, pozzu ancora scurdàrimi di dd’ommini ca scappanu strati strati, nfirmeri di spitali, e ridiri di mia, di li mimorii sfatti dintra la cuppa di la manu bruciata, di lu mali ca cci fici e di lu beni c’un ci seppi dari, di dda vuci schigghienti ca cuntinua a chiamàrimi: «Jàjita, ritorna!» di na dàlia ca nasci pirchì sapi di pàtiri... E cc’è tempu pi nzunnàrimi lu silenziu c’allàrica la notti!











CONTAVA STELLE E PENE, PENE E STELLE 
Quando io muoio vienici a Schisò una notte d’agosto come questa che i gridi acuminati del gabbiano trafiggono la luna nel suo cuore. Il mare giunge da lontano e porta gemiti lunghi d’amanti nascosti sotto lenzuola seriche di alghe e mentre li ascoltiamo, ahiahi, il piede sprofonda nella sabbia e non possiamo più fuggire e per questo ci abbracciamo, ci stringiamo, impazziti, aggrovigliati e stanchi c’incantiamo sulla riva ad ascoltare la storia del mare. E le lampare ad avvampare i tonni! Quando io muoio vienici a Schisò una notte d’agosto come questa, alza la canna e riaccendi la vita nell’occhio del palamito ferito che si dibatte sulla gialla riva e ribolle la schiuma del suo sangue. E le lampare ad avvampare i tonni! Quando io muoio vienici a Schisò una notte d’agosto come questa a piangere del pianto delle stelle che cadono nell’acqua trasalita a nuova rilucenza, dilagando macchia d’olio assalita dalle vespe. E le lampare ad avvampare i tonni! Solo nella pupilla tua azzurrina è la Stella Polare la memoria del cielo! Quando io muoio vienici a Schisò una notte d’agosto come questa, a sciogliere la treccia sotto un ramo d’eucalipto, a risentir la voce nostra, che impigliata fra le foglie tesse una trama lieve di silenzio che si discioglie a fiato di grecale. E le lampare ad avvampare i tonni! Quando io muoio vienici a Schisò una notte d’agosto come questa, o quando esplode il sole nel meriggio a sentire conchiglie nella vampa del sole alto. Qui tutti raduna i pesci del mare per raccontare tra una risata e l’altra, la storia di quell’amante pazzo che ogni sera sulla riva del mare di Schisò abbracciato con te, Agata Azzurra, contava stelle e pene, pene e stelle. E le lampare ad avvampare i tonni! [Traduzione di C. Pirrera 
(con tre varianti introdotte da A. Caponnetto)] [TI CORRO DIETRO GIORNO E NOTTE, O MORTE]
Ti corro dietro giorno e notte, o morte — come bimba che insegue la luna — per guardarti dentro gli occhi, e per lasciarmi stringere, addossata, al petto tuo, fra le tue braccia sotto un ramo d’albicocco. E solo un pugno di foglie secche a ricoprirmi Tu 
hai rubato a un garzone di pastori, le sue palpebre, verdi di trifoglio pulviscolo di resina a stordire i sensi, e allucinogene piccolissime stille, — angeli rilucenti d’azzurro ma evanescenti trame bianche — e danza frenetica di grilli, focosi, a ricucire la mia pelle, finché del tutto non si svuoti il cuore, docile, a dar conforto d’un lavoro di scambio. Gabbiano d’aria, tu il cuore mio empirai di sardine svegliate allo stupore dell’alba, tu gonfierai le mie vene di schiuma di mare, e mi sarai compagno nell’andare là sopra l’orizzonte incontro al sole che sorge ogni mattina, I miei pensieri allora, nel loro nido a forma d’una “x”, aspetteranno di tornare ancora una volta per anno come colombi in cova. Stanotte, o morte, ti verrò a trovare nella selva, qui dietro alle mie spalle si scioglie il tempo e già non c’è rimorso per il cammino! Contemplare, con te, il sonno del pesce spada, e taccole dormienti tra le rame del leccio! Il banchetto è già pronto, ed è un cervello vuoto di fantasia sopra un lenzuolo tenero d’erba e fiori di San Pietro, o morte, in cambio, tu lasciami bere l’ultimo tramontare della luna!… Solo così, ubriaca, potrò ancora dimenticare gli uomini che fuggono per le strade, infermieri d’ospedale, e ridere di me, dei miei ricordi disfatti dentro il cavo della mano bruciata, del gran male che gli ho fatto, del bene che non gli ho saputo dare, della voce che grida continuando ad invocarmi: «Torna indietro, Agata!», d’una dalia che nasce perché sa di soffrire… E c’è ancor tempo perché, in me, io sogni il silenzio che fa immensa la notte!


[Traduzione di Antonino Caponnetto]







Per Santo Calì il dialetto di Linguaglossa, il linguaggio della sua città natale, diventa la sua lingua e quella della sua terra: una lingua antica e nuova, la cui verginità costantemente rinasce, come nella Huri del paradiso islamico. Egli inserisce nel ‘gergo’ sia espressioni correnti che obsolete, scavando in profondità per riportare alla luce le vestigia linguistiche della storia siciliana. Si tratta di un linguaggio del sottoproletariato, che però – ricondotto alle sue radici – si rivela ben più colto di quanto egli avrebbe immaginato. Rosario Contarino ha parlato del ‘luogo’ linguistico della poesia di Calì come residuo della memoria, quasi un linguaggio dell’infanzia, di ciò che è arcaico, che è materno, definibile allo stesso tempo come recupero di quel dialetto vivente (sebbene patrimonio di una minoranza) sul quale può essere esercitata l’azione formatrice dell’artigiano (del poeta) colto. 

Le parole provenienti da più lingue straniere (brisci, slippinu, giubbòx, tenchiù, ecc.) sono state assimilate per consolidata e antica abitudine (o tradizione che sia) del popolo siciliano, così come era accaduto con il greco, il latino, il francese, lo spagnolo, l’arabo. 

“Nella sua ricerca di un’identità nazionale siciliana, Calì si attesta, più che alla Magna Grecia (egli ch’era docente di lingue classiche nei ginnasi) alla civiltà araba, anche in omaggio allo splendore economico e culturale che l’isola attraversò durante la dominazione araba. Saraceni di Sicilia sono gli uomini della sua terra; è questa – scrive Giuliano Manacorda – qualcosa di più di una metafora, un legame reale di storia, di sangue, di nomi, [...] è l’opzione per la parte emarginata del suo popolo.” 

Avviene in Calì un vero e proprio processo di identificazione: “Mi chiamo, se la memoria non m’inganna, Abdhl Kaly’. Sono nato a Linguaglossa, sulle pendici solforose del Mongibello, il 21 ottobre del 1918. O del 1128. O forse del 1848. Qui nell’isola islamica, devastata dalle primavere del Profeta, i secoli non contano, il tempo scivola impercettibile sulla macchia mediterranea, senza alcun senso. Qui tutto è arabo. Persino i crampi allo stomaco vuoto...” 
E alla tipologia del “saraceno” appartengono i personaggi del mondo poetico di Calì. Lo sono, ad esempio, Ciccio Bagongo, Frate Gilormo, l’io narrante del Lamentu cubbu pi Rocca Ciravula e tutti gli uomini “sgranci” (granchi), come Yossiph Scyrin dell’omonima ballata postuma, scritta questa in un italiano che ha un po’ assimilato e un po’ parodiato i moduli espressivi del neoformalismo degli anni ’60, con forte valenza ironica. Mastro Giuseppe Cirino, della contea di Màsqalah in Sicilia, diventa emigrato a Kansas City, a Detroit, a Los Angeles Mister Yossiph Shyrin Abdùl Nasseri Idrisi; la sua vicenda offre al poeta il destro di lanciare stoccate contro il neocolonialismo (“sei libero di scegliere il tipo di schiavitù che desideri”), ma anche contro gli esponenti del Gruppo 63 in Sicilia e gli scrittori e i poeti siciliani allora più celebrati, accusati di trarre onori e prebende dalla cultura-establishment, bersaglio dell’Antigruppo, a cui egli aveva aderito. 

L’opera di Calì è un grande poema d’amore e di morte. L’eros trova i suoi più significativi exempla nelle splendide liriche del “corpus” di Jàjita Azzola (Agata Azzurra: così il poeta chiamò un suo intenso e dirompente amore-giovane, che lo coinvolse in età matura), pervase da un costante sentimento della morte. Tanathos, presente in molti testi e particolarmente nel famoso Lamentu cubbu pi Rocca Ciravula, si fa struggente (e persino liberatorio) nel “corpus” di Jàjita. 
Si consideri che la produzione di Calì, ove si prescinda dai sonetti giovanili Mungibeddu, della fine degli anni ’40, si manifesta densa e impetuosa tra il 1966 e il 1972, anno della morte del poeta. 

{ Le notizie sopra riportate provengono da traduzioni e/o adattamenti di testi bio-bibliografici reperiti in: Santo Calì [di Lucio Zinna] (con dei brani in inglese e altri in italiano): [http://userhome.brooklyn.cuny.edu/bonaffini/DP/cali.htm] e in: Santo Calì - Opere e Vita - Lanottilonga.it (con bio-bibliografia in inglese): [http://www.lanottilonga.it/biography.htm] }













CONTATTI / CONTACTS
———————————————————
FacebookCaponnetto-Poesiaperta|Facebook  
______________________________________
______________________________________





6 commenti:

  1. «Santo Calì è un caso che travalica le misure della letteratura nazionale, un enigma da studiare, da risolvere nel cielo dell'arte e dalla poesia.
    Improvvisamente, quasi in punta di piedi, come per un estremo gesto di pudore, lui che dietro l'intransigente e persino provocatoria virutenza della polemica ideologica conservava l'anima tenerissima, il donchischiotte di tutte le battaglie disperate, il piccolo, immenso, timido, impavido, fragile, infaticabile, umile superbissimo Santo Cali nella notte tra il 15 e il 16 dicembre 1972 si era congedato dall'amore di un popolo in Linguaglossa dov'era nato il 21 ottobre del 1918, nella sua casa dove il bracciante e l'artista, il letterato famoso o lo studente povero potevano bussare a tutte le ore e trovare un abbraccio fraterno e un cuore disponibile.
    I suoi braccianti, i suoi culatri pastori dello alto Etna conoscevano in lui il militante comunista, il professorino di liceo pronto a scendere in piazza con loro, a guidarli nelle lotte per la terra con la sua parola calda e violenta che gli era valso persino un mandato di cattura, o a rappresentarli nei consessi civici; i suoi studenti di Giarre il docente antiautoritario, democratico e contestatario che aveva abolito il registro e si rifiutava di commentare Virgilio adulatore e imperialista preferendogli magari il vietnamita Vo Van Ai, che li stimolava al dialogo e alla presa di coscienza, e ricordano le visite a Danilo Dolci, o certi incontri con scrittori impegnati, il docente che quotidianamente s'inventava una didattica nuova senza essere un pedagogista e che aveva raccolto religiosamente le loro espressioni letterarie in due straordinarie antologie (Giacinti per il tuo spirito e Tulipano rosso) la prima delle quali aveva avuto il pubblico plauso di Quasimodo.
    Pochi sapevano di più, che di sé Santo Cali non parlava mai: sembrava sempre in ascolto degli altri, pronto a raccoglierne il palpito umano e a dare senso e valore a ogni espressione genuina degli altri: sapevano gli amici scrittori e artisti che avevano trovato in lui un animatore, un coordinatore e un valorizzatore secondo quello spirito comunitario ch'era il segno distintivo della sua umanità.»

    [In: Santo Calì - Opere e Vita - Lanottilonga.it (http://www.lanottilonga.it/biografia.htm)]

    RispondiElimina
  2. Grazie Antonino questa tua traduzione è un atto d'amore per la poesia e e per la nostra isola di Sicilia.
    Un caro saluto. Cettina

    RispondiElimina
  3. ...a dirne quasi ho la sensazione che possa svanire la magia che l'atmosfera dei versi e della loro traduzione crea attorno al lettore
    o, forse, soltanto intorno a me che ne leggo con gli occhi di chi sente vicino un sentimento che oltrepassa il tempo e lo spazio. Rileggo
    e ancora permane un sentire forte, che mi giunge come voce accanto, quasi questo luogo potesse essere una sorta di "porta" che si apre
    tra il tempo del poeta e il mio \ nostro tempo. Eppure in questi versi la realtà non è artefatta, anzi, essa ha l'immenso dono ormai raro di essere
    stata vissuta, rispettando la natura dei protagonisti e fino all'ultimo respiro, coscienti del fatto che quando s'incontra qualcosa o qualcuno
    per cui valga la pena di vivere, quella non è mai né vita, né tempo sprecato o sottratto ad altro. E così faccio mio l'invito "in esergo" alla pagina...

    grazie.
    Angela Greco

    RispondiElimina
  4. La poesia "del tutto" è un progressivo espandersi di se stessi nel divenire continuo delle cose,delle idee,delle riflessioni.Santo Calì attraverso i suoi versi,stabilisce un contatto ancestrale tra la sua terra,la sua lingua (quasi come madre rassicurante.) e le dinamiche dell'esistenza.
    Un giorno,un carissimo amico siciliano mi ha raccontato di quanto e di come il rapporto della sua gente con la morte,sia sostanzialmente un legame pacifico
    che corrisponde sempre all'esperienza complessiva dell'individuo e grazie alla poesia intensa di Sante Calì,quel vecchio discorso mi torna alla mente ,imprimendo significato profondo all'esperienza dell'esistenza e delle sue dinamiche.-Stanotti, o morti, ti vegnu a truvari,
    nta la sirba,
    cà arretu a li me spaddi
    sciodda lu tempu e non cc’evi rimorsu
    pi lu caminu! - E' un'immagine gonfia d'esistenza nella sintesi umana del tutto di un uomo,di un poeta.

    RispondiElimina
  5. Sono stupita dalla sensibilità di questo " professorino" poeta. I suoi versi mi hanno profondamente commossa e sono tra i più belli e veri che io abbia letto. Deve essere stato un uomo davvero speciale il Calì e lo conferma il profilo che tu, Antonino, hai qui tratteggiato. Credo che non ci siano insegnanti o intellettuali capaci di snobbare, come ha fatto lui, un Virgilio, imperialista e adulatore della politica agustea. Lo avrei fatto anch'io, ma questo è un altro discorso...
    Grazie Antonino, e complimenti per la tua brillante traduzione. nunzia binetti

    RispondiElimina
  6. Mi spiace sentire chiamare professorino un poeta. Di poesia non si mangia e anche il più umile dei mestieri fa salva la capacità di dire/scrivere poesia. E questa mi sembra una gran bella poesia, concreta, carnale, visionaria perfino . Conosco alcuni poeti siciliani che scrivono in dialetto, con una lingua stilizzata sul senso. Mi pare che Calì abbia ambizioni più estese, che il suo panorama sia più aperto, che la sua poesia miri a dire oltre il quotidiano.
    Grazie, Nino

    RispondiElimina