sabato 22 giugno 2013

DÁMASO ALONSO – «EN ESAS CLARAS HORAS DEL INSOMNIO» / «IN QUELLE TERSE ORE DELL’INSONNIA»






Dámaso Alonso, il cui nome completo è Dámaso Alonso y Fernández de las Redondas (Madrid, 3 ottobre 1898 – ivi, 25 gennaio 1990), poeta, scrittore e filologo spagnolo, Premio Miguel de Cervantes 1978, nato a Madrid, trascorse la sua infanzia a La Felguera, nelle Asturie. A Madrid studiò presso i gesuiti di Chamartín. È considerato un membro della Generazione del ’27, ma anche della prima generazione del dopoguerra. Laureato in Diritto, Filosofia e Lettere, si formó nel Centro di Studi Storici (Centro de Estudios Históricos) diretto da Ramón Menéndez Pidal, prendendo energicamente parte alle attività della Residencia de Estudiantes diretta dal krausista Alberto Jiménez Fraud. Qui conosce Federico García Lorca, Luis Buñuel, Pepín Bello e Salvador Dalí; nel 1917, durante una vacanza, conosce Vicente Aleixandre, con il quale stringe un forte legame d’amicizia e con cui finirà per convivere nella Spagna franchista. Collabora alla Revista de Occidente e a Los Cuatro Vientos, e riporta in auge la poetica culterana di Luis de Góngora, elaborando per spiegarla una fortunata teoria sull’espressione poetica detta Estilística. Curò nel 1927 un’edizione critica delle Soledades dello stesso Góngora accompagnata da una propria parafrasi esplicativa, oltre a diversi studi sullo stesso autore negli anni successivi. Insegnò a Oxford per due anni e in seguito fu cattedratico dell’Università di Valencia e in seguito di filologia romanica all’Università di Madrid, dove fu professore, tra gli altri, di Fernando Lázaro Carreter. Nel 1948 fu nominato membro della Real Academia de la Historia; inoltre ricevette il Premio Cervantes nel 1978. Morì a Madrid nel 1990.

L’opera poetica

Il suo libro Poemas puros, poemillas de la ciudad (1924) viene classificato come poesía pura di ispirazione juanramoniana. A partire dal 1939, il grande colpo della Guerra Civile e del non meno disperato dopoguerra lo commuovono profondamente e pubblica la sua opera più importante, Hijos de la ira (1944; seconda edizione corretta e aumentata nel 1946) dove, ispirandosi al procedimento stilistico del parallelismo progressivo presente nella poesia biblica dei salmi penitenziali e alla filosofia esistenzialista del dopoguerra, esprime una visione lacerata e cupa della condizione umana, utilizzando molti versetti (versículos) e un linguaggio violento che dà accesso a un lessico volgare e malsonante. Accusa, maledice, protestando contro il grottesco spettacolo del mondo, immerso allora in una terribile guerra globale.
Seguono a questa opera solitaria, che inaugura e ispira la cosiddetta Poesía desarraigada (insieme a Sombra del paraíso del suo amico Vicente Aleixandre), Hombre y Dios (1955) e Oscura noticia (1959), due libri lirici di poesía desarraigada (poesia sradicata) di molto intima religiosità. Il titolo dell’ultimo proviene da San Giovanni della Croce: «La conoscenza che ti infonde Dio, è oscura». Vi traspare un’impronta esistenzialista ed è visibile l’influenza di James Joyce, il cui racconto Ritratto dell’artista adolescente Alonso aveva tradotto sotto lo pseudonimo anagrammato di Alfonso Donado nel 1926. In questa tematica religiosa la sua ultima incursione è Duda y amor sobre el Ser Supremo (Dubbio e amore sopra l’Essere Supremo) del 1985.

Alonso, filologo e editore

A questa fase corrisponde anche il suo importante lavoro filologico, fondamentalmente nell’ambito della stilistica, rappresentata dai seguenti studi: La poesía de san Juan de la Cruz (1942), Poesia spagnola: Saggio di metodi e limiti stilistici (1950) e Estudios y ensayos gongorinos (1955). Le sue opere complete sono state edite in dieci tomi dalla Editorial Gredo.
Fondó la collezione Biblioteca Románica Hispánica nella Editorial Gredos e fu direttore della Revista de Filología Española. Come direttore della Real Academia Española de la Lengua cercó di unire in un lavoro comune le restanti accademie americane della lingua (spagnola), al fine di evitare o ritardare la temuta frammentazione linguistica dell’idioma. La sua vasta biblioteca specializzata fu donata dopo la sua morte alla Real Academia Española.

Bibliografia poetica

- Poemas puros. Poemillas de la ciudad, Madrid, Galatea, 1921.
- El viento y el verso, Madrid, Sí. Boletín Bello Español del Andaluz Universal, 1925.
- Hijos de la ira. Diario íntimo, Madrid, Revista de Occidente, 1944 (2ª ediz. ampliata, Bs. As., Espasa-Calpe, 1946).
- Oscura noticia, Madrid, Col. Adonais, 1944.
- Hombre y Dios, Malaga, El Arroyo de los Ángeles, 1955.
- Tres sonetos sobre la lengua castellana, Madrid, Gredos, 1958.
- Poemas escogidos, Madrid, Gredos, 1969 (Contiene poesie sparse).
- Gozos de la vista. Poemas puros. Poemillas de la ciudad. Otros poemas, Madrid, Espasa-Calpe, 1981.
- Antología de nuestro monstruoso mundo. Duda y amor sobre el Ser Supremo, Madrid, Cátedra, 1985.
- Álbum. Versos de juventud, Barcelona, Tusquets, 1993 (Edizione di Alejandro Duque Amusco e María-Jesús Velo. Con Vicente Aleixandre e altri).
- Verso y prosa literaria, Madrid, Gredos, 1993 (Obras completas, X volume).

Bibliografia filologica

- Con lo pseudonimo di Alfonso Donado, traduzione da James Joyce, Retrato del artista adolescente, (1926).
- Edizione critica delle Soledades di Luis de Góngora, (1927).
- La lengua poética de Góngora (1935).
- La Poesía de San Juan de la Cruz (1942).
- Poesía española: Ensayo de métodos y límites estilísticos (1950).
- Poetas españoles contemporáneos (1952).
- Estudios y ensayos gongorinos (1955).
- De los siglos oscuros al de Oro (1958).
- Góngora y el Polifemo (1960).
- Cancionero y romancero español (1969).
- En torno a Lope (1972). 

( Fonte principale per la bio-bibliografia: Wikipedia )











¿CÓMO ERA?

¿Cómo era Dios mío, cómo era?
Juan Ramón Jiménez


La puerta, franca.
                             Vino queda y suave.
Ni materia ni espíritu. Traía
una ligera inclinación de nave
y una luz matinal de claro día.
No era de ritmo, no era de armonía
ni de color. El corazón la sabe,
pero decir cómo era no podría
porque no es forma, ni en la forma cabe.
Lengua, barro mortal, cincel inepto,
deja la flor intacta del concepto
en esta clara noche de mi boda,
y canta mansamente, humildemente,
la sensación, la sombra, el accidente,
¡mientras ella me llena el alma toda!






COME ERA? 

Come era, Dio mio, come era?
Juan Ramón Jiménez


La porta, aperta.
                           Tacita e soave
entrò. Né spirto né materia. Incline
quasi a un moto lievissimo di nave,
giorno limpido in luci mattutine.
D’essa non ritmo né armonia l’essenza,
né colore. Ed il cuore non la ignora,
ma dirne non saprebbe l’apparenza,
ché non è forma e in forma non dimora.
Lingua, vano cesel, fango mortale,
il fiore del concetto lascia indenne
nella mia notte lucida, nuziale,
e canta con dolcezza, flebilmente,
la sensazione, l’ombra, l’accidente,
Ella colmando l’anima perenne.






INSOMNIO


Madrid es una ciudad de más de un millón de cadáveres
(según las últimas estadísticas).
A veces en la noche yo me revuelvo y me incorporo en
este nicho en el que hace 45 años que me pudro,
y paso largas horas oyendo gemir al huracán, o ladrar los
perros, o fluir blandamente la luz de la luna.
Y paso largas horas gimiendo como el huracán, ladrando
como un perro enfurecido, fluyendo como la leche
de la ubre caliente de una gran vaca amarilla.
Y paso largas horas preguntándole a Dios, preguntándole
por qué se pudre lentamente mi alma,
por qué se pudren más de un millón de cadáveres en esta
ciudad de Madrid,
por qué mil millones de cadáveres se pudren lentamente
en el mundo.
Dime, ¿qué huerto quieres abonar con nuestra podredum-
bre?
¿Temes que se te sequen los grandes rosales del día,
las tristes azucenas letales de tus noches?






INSONNIA


Madrid è una città di più di un milione di cadaveri
(secondo le ultime statistiche).
Talora nella notte m’avvoltolo e mi levo a sedere in questo
loculo in cui da 45 anni marcisco,
e trascorro lunghe ore ad ascoltare l’uragano che geme o i
cani che abbaiano o la luce della luna che fluisce
dolcemente.
E trascorro lunghe ore a gemendo come l’uragano, abbaian-
do come un cane infuriato, fluendo come il latte dal-
la poppa calda d’una grande vacca gialla.
E trascorro lunghe ore domandando a Dio, domandando-
gli perché la mia anima marcisce lentamente,
perché marciscono più di un milione di cadaveri in questa
città di Madrid,
perché un miliardo di cadaveri marciscono lentamente nel
mondo.
Dimmi, che orto vuoi concimare con la nostra putredine?
Temi che si inaridiscano i grandi rosai del giorno,
i tristi gigli letali delle tue notti?







A UN POETA MUERTO
  [F. García Lorca]


Morir es aspirar una flor nueva,
un aroma que es sueño y nos invade
como un agua densísima. La Noche
acoge dulcemente a los vencidos.
¡Oh la noche absoluta!
Los mortales temblamos a sus luces.
En esas claras horas del insomnio
he mirado sus ojos frente a frente:
es un amor, es un furor de hielo,
es una tromba quieta, sobre un mundo
sin extensión, sin forma, sin rumores.
Una idea de viento huracanado,
como el soplo de un dios posible, surge
dal inminente hueco impenetrable.
¡Qué negras cabelleras derramadas,
qué ángulos estériles, qué augurios,
qué entrecortadas nieves, qué siseos!
Tristes aves sin sombra huyen perdidas
por cielos sin espacio. Desasidos
sueños sin soñador dejan estelas
inexistentes. Van con rotas jarcias
fantásticos navios, a deshora,
cruzando un mar sin tiempo, proejando
hacia puertos sin nombre. Y en el fondo
del expectral laboratorio gélido,
en el alto alambique, borbotean
tiempo y eternidad.
                             ¡Oh, no! la Noche
acoge dulcemente a los vencidos.
Tiene amores de madre, y es la madre
adonde vuelve todo lo que vive.
Este gran frenesí siempre en futuro,
este anhelo insaciable de mañana,
por hondos tajos, por ignotas hoces
de sombra y luz, de espanto y de prodigio,
esta angustia de ser que es nuestra vida,
un día rompe el dique y se desborda
sobre el remanso oscuro del reposo
en el lago sin tiempo y sin ribera.
¡Pausas, fragor, susurros! Y la Noche
acoge dulcemente a los vencidos.
¡Oh qué felicidad, cerrar los párpados
y entregarse a ese beso, el más hermoso
beso de nuestra vida!  ¡Oh noche quieta,
mudo testigo de la gran dulzura
en que se adensan nuestros claros días!
¡Oh gran sosiego, puerta negra al fondo,
cuando miran las pálidas estrellas
benignamente al que cursó la linde!
¡Oh muerte, amada de este fiel amante
que es el que vive y en tu busca avanza
para saciarse en ti! ¡Oh muerte, dulce,
leal enamorada y sin engaño:
recibe en tu reposo a nuestro amigo!
Siempre te amó, puesto que amó la vida.
¡Corónale de flores funerales,
mientras aquí esparcimos violetas
y lágrimas sobre una piedra muda!
A ti buscaba aquel sentido ignoto
de sus juegos de niño; a ti, los sueños
turbios de su terrible adolescencia.
Vio el mar, los bosques, las montañas súbitas
sobre lentas llanuras dilatadas;
vio en los cielos las luces temblorosas
de las profundas noches de verano,
y la subía al alma una marea
de deseos oscuros: no sabía
que tu con mudas voces le llamabas.
Y conoció el amor. Vencidos cuerpos
se desplomaban sobre la delicia.
¿Lo fugaz conquistó lo permanente?
Allá abajo, en la veta más profunda
espiaba tu faz inescrutable.
¡Tú, muerte, tú, el amor; tú, en el amigo;
tú, la melancolía, los presagios,
los tímidos avances temblorosos;
tú, los rojos carbones y las llamas;
tú, el espasmo dulcísimo, tú oculta
amante, único amor, eterna amante!
Amó. Gritaba: « ¡Vida! ¡Más, más vida! »
¡Amor, amor, principio de la muerte!
¡Terrible diosa de ojos dulces, sácialo!
Ya es sólo para ti: ya siempre tuyo.
Siempre. Ya es inmortal, ya es dios, ya es nada.







A UN POETA MORTO
  [F. García Lorca]


È, morire, aspirare un nuovo fiore,
un profumo ch’è sogno e ci pervade
come un’acqua densissima. La Notte
accoglie i vinti nella sua dolcezza.
Notte assoluta!
Tremiamo noi mortali alle sue luci.
In quelle terse ore dell’insonnia
ho guardato i suoi occhi fronte a fronte:
ed è un amore, un furore di gelo,
un vortice tranquillo, sopra un mondo
senza spazio né forma né rumori.
Come un’idea di vento d’uragano,
la raffica d’un dio futuro, sorge
dall’imminente vuoto impenetrabile.
Che nere chiome sparse!
che spigoli infecondi! che presagi!
nevi solcate, voci soffocate!
Tristi uccelli senz’ombra si smarriscono
per cieli senza spazio. Distaccati
sogni dal sognatore inesistenti
lasciano scie. Vanno con rotte sartie
fantastici navigli intempestivi,
per mare senza tempo, bordeggiando
a golfi senza nome. E nell’interno
laboratorio gelido e spettrale,
nel sublime alambicco, gorgogliando
tempo ed eternità.
                            Oh no! la Notte
accoglie i vinti nella sua dolcezza.
Nutre affetti di madre, ed è la madre
ove ritorna tutto quel che vive.
Questo grande delirio di futuro,
quest’ansia inappagata del domani,
per profondi burroni e ignoti valichi
d’ombra e di luce, sgomento e prodigio,
la nostra vita o questa angoscia d’essere,
rompe un giorno la diga, traboccando
nell’oscuro ristagno del riposo,
nel lago senza tempo e senza riva.
Pause, fragore, sussurri! E la Notte
accoglie i vinti nella sua dolcezza.
Quale felicità, chiuder le palpebre
e a quel bacio affidarsi, della nostra
vita il bacio più bello! Oh quieta Notte,
muta presenza della gran dolcezza
ove annidano i nostri chiari giorni!
O grande pace, porta scura al fondo,
quando le stelle pallide rimiran
benigne quei che oltrepassò la soglia!
O morte, amata da quel fido amante
ch’è quei che vive e te cercando avanza
per saziarsi di te! Tu, dolce morte,
leale innamorata e senza inganno:
accogli il nostro amico nel tuo asilo!
Sempre ti amò, giacché la vita amava.
Coronalo di fiori funerari,
mentre di qua viole noi spargiamo
e lacrime su quella pietra muta!
Te cercava l’ignoto sentimento
dei suoi giochi di bimbo e i sogni torbidi
della sua sbigottita adolescenza.
Vide il mare, le selve, i monti impervi
su indolenti, vastissime pianure;
vide nei cieli i lumi trepidanti
delle notti profonde dell’estate,
e gli montava all’anima di brame
oscure una marea: non avvertiva
che tu con mute voci lo chiamavi.
E l’amore conobbe. Corpi vinti
crollavano sui loro allettamenti.
L’effimero acquistò la permanenza?
Laggiù nella miniera più profonda
esplorava il tuo volto imperscrutabile.
Tu, morte, tu, l’amore; tu, all’amico;
tu, la melanconia, le aspettative,
le tremanti, le timide profferte;
tu, i carboni roventi e le vampate;
tu, il dolcissimo spasimo, tu occulta
amante, unico amore, eterna amante!
Amò. Gridava: « Vita! Più, più vita! »
Amore, amore, inizio della morte!
Tremenda dea dagli occhi dolci, sazialo!
E solo ormai con te: per sempre è tuo
Per sempre. Ed è immortale, è dio, è assenza.






Nota:
Le tre poesie di Dámaso Alonso qui date in lingua originale e le loro traduzioni in italiano sono tratte dell’antologia: Poesia spagnola del Novecento, a cura di Oreste Macrí, volume secondo, Garzanti, Milano, 1985.
A. C. 

















CONTATTI / CONTACTS
———————————————————
FacebookCaponnetto-Poesiaperta|Facebook  
______________________________________
______________________________________

















4 commenti:

  1. << Dámaso Alonso Fernández de las Redondas... intraprese gli studi matematici che interruppe (alcunché di matematico sta nella sua critica). Licenziato in legge e dottore in lettere. La personalità di Alonso appare una delle più complesse del Novecento nell'armonia, difficile, perduta e sempre riconquistata, scavata alla radice dell'essere e dell'esistere, tra le diverse componenti dell'estro creativo (in stato di necessità; si tratta di uno dei più brevi canzonieri...), della più rigorosa scienza filologica linguistica e letteraria (anch'essa con impennate e frazioni autobiografiche, patetica ed estrosa ai punti giusti di una umanizzazione della teoria), della partecipazione simpatetica fraterna disinteressata allo spirito creativo contemporaneo (ma con non diminuito rigore circa i valori), della esplorazione archivistica ed erudita (amenizzata da un demone di «curioso» barocco), del comportamento adamantino nella prassi di un'ardua ortodossia e di un severo costume etico e sociale (qualche sfumatura ereticale, qualche lieve durezza nei confronti di certi aspetti biografici, ad esempio, di A. Machado, Salinas, Cernuda) ecc. Discepolo e collaboratore di Menéndez Pidal, ha esplicato un'intensissima attività docente, scientifica, altamente divulgativa della letteratura spagnola, in qualità di cattedratico, lettore, conferenziere in molte università e istituti e società culturali della Germania (a Berlino nel 1922-23), Inghilterra, Stati Uniti, Belgio, Francia, Italia, Portogallo, Ispanoamerica in particolare; molti dei suoi saggi critici son nati dalla viva voce del conferenziere e ambasciatore della poesia della madrepatria, come quelli raccolti in “Poesía española”. Ha insegnato a Barcellona e a Valencia (1933). Ha risieduto a Madrid fin dal 1939 con la moglie, la scrittrice Eulalia Galvarriato. Collaboratore nei corsi per stranieri del Centro de Estudios Históricos (dal 1921), direttore della «Revista de Filología Española», membro (1948) dell'Academia Española (e poi direttore alla morte di don Ramón), della Hispanic Society of America e della Academia de la Historia (1959). Quale filologo e critico, Dámaso Alonso è stato uno dei più insigni romanisti e maestro alle nuove generazioni. Come poeta ha seguito fedelmente e testimoniato e favorito il destino umano e artistico della sua generazione, che ha illuminato e aggiornato sulle fonti testuali ad essa congeniali (San Juan de la Cruz, Fray Luis, Góngora, Lope, Quevedo...), esplicando e rammemorando criticamente le strutture interne dell'arte dei suoi compagni. Dottore honoris causa di varie università, compresa la Facoltà di Lettere di Roma; fu anche Accademico della Crusca e dell'Arcadia. Nel 1973 ospite a Oklahoma. Dal 1983 direttore onorario della R. Academia Española. Premio Cervantes 1978… >>

    Il brano che precede è tratto dalla VITA del nostro autore, così come viene descritta da Oreste Macrí nell’antologia da noi utilizzata e debitamente citata nel presente post.

    RispondiElimina
  2. La poesia di Alonso Damaso,non sembra concedere spiragli emotivi docili all'esistenza. Permette,piuttosto,ad un'autentica valutazione dettagliata e spesso sofferta,di diventare "pregiata",poichè il linguaggio esplode in un'armonia seppure molto composta ed a tratti severa,di un sentire complesso ,combattuto,ma autentico dell'uomo denudato nello spirito e negli intenti puramente accademici.L'impressione è quella di un'etica preposta ad uno spirito libero che decide comunque per un'espressività poco fedele ad un ruolo accademico,per un più incline favoritismo intimo,umano.

    RispondiElimina
  3. La progressione che si nota e di cui si entra a far parte via via, leggendo, è interessante e permette di cogliere - a mio avviso - aspetti interessanti varii e differenti della poetica di questo Autore. "A un poeta morto" mi colpisce particolarmente, perché si riesce meglio a scorgere un coinvolgimento che mi avvicina maggiormente, come lettrice. Per il resto, preferisco sempre non farmi troppo influenzare dalla biografia....grazie Antonino, un abbraccio!

    Angela Greco

    RispondiElimina
  4. Leggere, anzi rileggere Alonso Damaso, per me significa tornare indietro nel tempo, quando cominciavo a chiedermi cosa fosse la poesia e sono stati loro, lui e i suoi contemporanei che mi hanno dato risposte. a partire da Jimenez, Alberti, Aleixandre, Buñel e, naturalmente Garçia Lorca. Mi stupiva e meravigliava quel modo di far poesia e continua a sorprendermi oggi che leggo con quell'attimo di maturità in più. Damaso ha una poetica pacata, riflessiva, meno irruente di quella del giovane Lorca, più simile a quella bellissima e aerea di Jimenez... in ogni caso di grande, grande potenza lirica e ne è un esempio la dedica a Lorca.
    Non posso che ringraziare in maniera particolare il padrone di casa per questi gioielli che tira fuori dal suo scrigno. Grazie Antonino.

    RispondiElimina