venerdì 2 novembre 2012

Rafael Alberti y Aguaviva - «Poetas andaluces» (texto y video) / Rafael Alberti e gli Aguaviva - «Poeti andalusi» (testo e video)







Rafael Alberti con Márcia Theóphilo alla presentazione del libro “Il massacro degli indios
nel Brasile d’oggi”, scritto da Márcia in collaborazione con Saverio Tutino, Roma, 1977


Rafael Alberti Merello nasce nel 1902 a Puerto de Santa María, vicino a Cadice, in Andalusia, passa un’infanzia tranquilla e nel 1917 si trasferisce a Madrid dove comincia la sua avventura artistica come pittore rimanendo attaccatissimo alla sua terra d’origine.
Nel 1922 i suoi lavori vengono esposti nell’ateneo di Madrid, poco dopo entrerà in contatto con gli artisti e gli scrittori nella Residencia de Estudiantes, quelli che saranno in seguito i protagonisti della Generazione del ’27.
Nel 1924, mentre è costretto a vivere nella sierra (Guadarrama y Rute) a causa di una malattia alle vie respiratorie, pubblica la raccolta di poesie “Marinero en tierra”, un canto d’amore per il mare, che vince il “Premio Nacional de Literatura”.
Nel 1927 partecipa alle celebrazioni per i trecento anni dalla morte di Luis de Góngora in omaggio al quale pubblicherà “Cal y Canto”.
Sono del 1929 le dolorose liriche “Sugli Angeli” (“Sobre los angeles”) risultato poetico di una profonda crisi personale.
Quegli anni li passa a contatto con Federico García Lorca, Salvador Dalí e Pablo Picasso, amici e compagni di strada, pubblica poi “Sermones y moradas” e “El hombre deshabitado”.
Una nuova fase inizia con l’avvento della Repubblica franchista.
Nel 1931 entra nel Partido Comunista de España (PCE), studia teatro nell’Unione Sovietica e dirige con la moglie María Teresa León, scomparsa nell’88, la rivista rivoluzionaria “Octubre” e dal ’36 al ’39 partecipa alla guerra civile nelle file repubblicane.
Nel 1939, dopo la sconfitta repubblicana, si rifugerà in Francia, poi in Argentina quindi in Italia, a Roma, nel quartiere di Trastevere (1963).
Degli anni ’60 sono i suoi “Poemi d’amore” i versi per “Roma, pericolo per i viandanti”, “Gli otto nomi di Picasso”.
Le rime “Amore in bilico” sono dedicate all’erotismo e alla donna, alla sua nuova e giovane compagna.
Rientrerà nella sua città in Spagna, solo dopo la morte di Francisco Franco, nel 1977 e nel 1990 sposerà María Asunción Mateo, di quarantaquattro anni più giovane di lui. Gli verrà conferito il Premio Cervantes.
L’ultimo rappresentante della “Generazione del ’27”, il movimento a cui appartenevano anche García Lorca e Vicente Aleixandre, muore a Puerto de Santa María, per arresto cardiaco, il 28 ottobre 1999.

Opera poetica:

Marinero en tierra, M., Biblioteca Nueva, 1925 (Premio Nacional de Literatura).
La amante, Málaga, Litoral, 1926.
El alba de alhelí, Santander, 1927 (Edición privada de José María de Cossío).
Domecq (1730-1928). Poema del Ilmo. Sr. Vizconde de Almocadén, Jerez de la Frontera, Jerez Industrial, 1928.
Cal y canto, M., Revista de Occidente, 1929.
Yo era un tonto y lo que he visto me ha hecho dos tontos, publicado por primera vez en distintos números de La Gaceta Literaria, 1929.
Sobre los ángeles, M., CIAP, 1929.
El poeta en la calle (1931-1935), Aguilar, Madrid, 1978. Publicado por primera vez en Poesía (1924-1937).
Consignas, M., octubre de 1933.
Un fantasma recorre Europa, M., La tentativa poética, 1933.
Poesía (1924-1930), M., Ediciones del Árbol ( Cruz y Raya), 1935.
Versos de agitación, México, Edit. Defensa Roja, 1935.
Verte y no verte. A Ignacio Sánchez Mejías, México, N. Lira, 1935.
13 bandas y 48 estrellas. Poemas del mar Caribe, M., Manuel Altolaguirre, 1936.
Nuestra diaria palabra, M., Héroe, 1936.
De un momento a otro (Poesía e historia), M., Europa-América, 1937.
El burro explosivo, M., Edic. 5º Regimiento, 1938.
Poesías (1924-1937), M., Signo, 1938.
Poesías (1924-1938), Bs. As., Losada, 1940.
Entre el clavel y la espada (1939-1940), Bs. As., Losada, 1941. Dibujos de Rafael Alberti.
Pleamar (1942-1944), Bs. As., Losada, 1944.
Poesía (1924-1944), Bs. As., Losada, 1946.
A la pintura, Bs. As., Imprenta López (Edición privada).
A la pintura. Poema del color y la línea (1945-1948), Bs. As., Losada, 1948.
Coplas de Juan Panadero. (Libro I), Montevideo, Pueblos Unidos, 1949 (2ª edición ampliada). Dibujos de Toño Salazar.
Poemas de Punta del Este (1945-1956), 1era edición Seix Barral 1979, 89 páginas, ISBN 84-322-9545-0
Buenos Aires en tinta china, Bs. As., Losada, 1952. Dibujos de Attilio Rossi.
Retornos de lo vivo lejano, Bs. As., 1952.
A la pintura (1945-1952) 2ª edic. aumentada, Bs. As., Losada, 1953.
Ora marítima seguido de Baladas y canciones del Paraná (1953), Bs. As., Losada, 1953.
Redoble lento por la muerte de Stalin, (Buenos Aires, 9 de marzo de 1953). Incluido en sus Obras completas. Poesía III. Seix Barral. 2003.
Balada y canciones del Paraná, Bs. As., Losada, 1954.
Sonríe China, Bs. As., Jacobo Muchnik, 1958 (en colaboración con María Teresa León).
Poemas escénicos, Bs. As., Losada, 1962 (2ª edic. ampliada y bilingüe español/italiano).
Abierto a todas horas, M., Afrodisio Aguado, 1964.
El poeta en la calle (1931-1965), París, Librairie du Globe, 1966 (Recopilación de toda la poesía social de Alberti).
Il mattatore, Roma, Eutro edit, 1966.
A la pintura. Poema del color y la línea (1945-1967) 3ª edic. aumentada, M., Aguilar, 1968 (Prólogo de Vicente Aleixandre).
Roma, peligro para caminantes, México, Joaquín Mortiz, 1968 (2ª edición aumentada- Málaga- Litoral- 1974).
Los 8 nombres de Picasso y no digo más que lo que no digo, B., Kairós, 1970.
Canciones del Alto Valle del Aniene, Bs. As., Losada, 1972.
Disprezzo e meraviglia (Desprecio y maravilla), Roma, Riuniti, 1972 (Bilingüe italiano-español. Antología con poemas inéditos).
Maravillas con variaciones acrósticas en el jardín de Miró, B., Polígrafa, 1975.
Coplas de Juan Panadero (1949-1977), M., Mayoría, 1977.
Cuaderno de Rute (1925), Málaga, Litoral, 1977.
Los 5 destacagados, Sevilla, Calle del Aire, 1978.
Fustigada luz, B., Seix Barral, 1980.
Versos sueltos de cada día, B., Seix Barral, 1982.
Golfo de Sombras, M., Villamonte, 1986.
Los hijos del drago y otros poemas, Granada, Diputación, 1986.
Accidente. Poemas del Hospital, Málaga, Librería Anticuaria El Guadalhorce, 1987.
Cuatro canciones, Málaga, Librería Anticuaria El Guadalhorce, 1987.
El aburrimiento, 1988.
Canciones para Altair, M., Hiperión, 1989 (póstumo).




Rafael Alberti e i componenti del gruppo musicale Aguaviva, a Roma nel 1971







baladas y canciones del paraná 1953-1954 


BALADA PARA LOS POETAS ANDALUCES DE HOY


¿Qué cantan los poetas andaluces de ahora?
¿Qué miran los poetas andaluces de ahora?
¿Qué sienten los poetas andaluces de ahora?

Cantan con voz de hombre, ¿pero dónde los hombres?
Con ojos de hombre miran, ¿pero dónde los hombres?
Con pecho de hombre sienten, ¿pero dónde los hombres?

Cantan, y cuando cantan parece que están solos.
Miran, y cuando miran parece que están solos.
Sienten, y cuando sienten parecen que están solos.

¿Es que ya Andalucía se ha quedado sin nadie?
¿Es que acaso en los montes andaluces no hay nadie?
¿Que en los mares y campos andaluces no hay nadie?

¿No habrá ya quien responda a la voz del poeta?
¿Quién mire al corazón sin muros del poeta?
¿Tantas cosas han muerto que no hay más que el poeta?

Cantad alto. Oiréis que oyen otros oídos.
Mirad alto. Veréis que miran otros ojos.
Latid alto. Sabréis que palpita otra sangre.

No es más hondo el poeta en su oscuro subsuelo.
encerrado. Su canto asciende a más profundo
cuando, abierto en el aire, ya es de todos los hombres.


                                             Música: Manolo Diaz - Aguaviva (banda)
















ballate e canzoni del paraná 1953-1954 


BALLATA PER I POETI ANDALUSI DI ORA


Che cantano i poeti andalusi di ora?
Che guardano i poeti andalusi di ora?
Che sentono i poeti andalusi di ora?

Cantano con voce d’uomo, ma dove sono gli uomini?
Guardano con occhi d’uomo, ma dove sono gli uomini?
Sentono con cuore d’uomo, ma dove sono gli uomini?

Cantano, e quando cantano sembra che siano soli
Guardano, e quando guardano sembra che siano soli
Sentono, e quando sentono sembra che siano soli

È possibile che l’Andalusia sia rimasta senza nessuno?
È possibile che sui monti andalusi non ci sia nessuno?
Che sui mari e nei campi andalusi non ci sia nessuno?

Non c’è più chi risponda alla voce del poeta?
Chi possa guardare il cuore senza muri del poeta?
Son tante le cose che sono morte che non c’è più che il poeta?

Cantate forte. Sentirete che odono altri orecchi.
Guardate in alto, vedrete che guardano altri occhi.
Sentite con forza, saprete che palpita altro sangue.

Non è più profondo il poeta, rinchiuso nel suo buio
sottosuolo. Il suo canto raggiunge il profondo
allorché, aperto al vento, è ormai di tutti gli uomini.


                                             Musica: Manolo Diaz - Aguaviva (gruppo musicale)













Avvertenza: 
la poesia qui presentata in lingua originale e la sua traduzione sono tratte ambedue dal libro: Rafael Alberti, Poesie, a cura di Vittorio Bodini, Mondadori, Milano, I edizione maggio 1964, II edizione marzo 1977. 
Fonte principale per la biografia e lopera poetica: Wikipedia. Video degli Aguaviva condiviso su questo post da: YouTube.











CONTATTI / CONTACTS 
                                                      Facebook: Caponnetto-Poesiaperta|Facebook                                                                           
                                                       e-mail: Caponnetto.ni@gmail.com                                                             















6 commenti:

  1. Rafael Alberti ha avuto negli anni '70, durante il suo esilio romano, una buona dose di popolarità in Italia, e molte delle sue poesie si sentivano a quel tempo alla radio. Il testo che abbiamo postato in questa pagina è diventato popolare anche per merito degli Aguaviva. Non importa molto che sia o non sia il più alto fra i testi poetici albertiani, ma sulla base della sua popolarità di allora e delle domande attualissime che esso pone per ciò che riguarda l'"esserci" del poeta, proprio quando il gioco, e il giogo, si fa duro, proprio questo - come una inevitabile necessità - ci pare opportuno tener presente e non lasciar cadere nel dimenticatoio.

    Antonino Caponnetto

    RispondiElimina
  2. Traggo le mie conclusioni su R.Alberti,riflettendo su cosa la poesia eserciti nel tempo,dal momento che garantisce l'efficacia delle parole "vissute","indossate".Una forza motrice che vince la presunzione dei cambiamenti epocali e muove consapevolezza e conoscenza in un'unica direzione." Sentono, e quando sentono sembra che siano soli",dice dei poeti andalusi,R.Alberti,ma nel suo verso si estende una verità rivolta ad una terra senza confini da cui si elevano tutte le voci in un'unica presenza. "L'esserci" perpetuo di cui parla Antonino.Di cui hanno bisogno tutte le ragioni dei poeti di ogni tempo e luogo.

    RispondiElimina
  3. "Non c’è più chi risponda alla voce del poeta?" tanti interrogativi a scuotere il pensiero comune, devo dire che ogni poeta che proponi in questo spazio è un arricchimento per tutti.

    RispondiElimina
  4. Versi dal tono alto e solenne, propri della poesia civile e politica.

    RispondiElimina
  5. dove sono gli uomini? Me lo chiedo sempre! e i poeti lo sono? "Son tante le cose che sono morte che non c’è più che il poeta?" é ancora così...per molta gente!

    RispondiElimina
  6. alta poesia civile, Alberti capostipite... grazie!

    RispondiElimina