sabato 3 novembre 2012

PABLO NERUDA - «CANTO GENERAL», III - "LOS CONQUISTADORES", I, II, XIV







Pablo Neruda, pseudonimo di Ricardo Eliezer Neftalí Reyes Basoalto (Parral, 12 luglio 1904 – Santiago del Cile, 23 settembre 1973), poeta e attivista cileno, una delle più importanti figure della letteratura latinoamericana contemporanea.
L’appellativo d’arte Pablo Neruda venne scelto in onore dello scrittore e poeta ceco Jan Neruda, e in seguito gli fu riconosciuto anche a livello legale. Pablo Neruda è stato insignito nel 1971 del Premio Nobel per la letteratura. Ha ricoperto per il proprio Paese incarichi di primo piano, sia diplomatici che politici. Inoltre è noto per la sua adesione al comunismo, per la sua candidatura a Presidente del Cile nel 1970, e per il successivo sostegno al socialista Salvador Allende. È morto in un ospedale di Santiago poco tempo dopo il golpe di Pinochet, nel 1973.

Bibliografia essenziale:

1923, Crepusculario ;
1924, Veinte poemas de amor y una canción desesperada ;
1933, Residencia en la tierra ;
1937, España en el corazón (stampato nel 1935, in piena guerra civile, dai soldati repubblicani, con carta da loro stessi prodotta, edizioni Ejercito del Este) ;
1950, Canto general ;
1953, Los versos del Capitán ;
1954, Las uvas y el viento ;
1960, Las piedras de Chile ;
1964, Memorial de Isla Negra ;
1970, Las piedras del cielo ;
1973, Confieso que he vivido (Autobiografia).
Tra le traduzioni ed edizioni italiane, degne di particolare nota sono:
Poesie, un’antologia pubblicata da Einaudi nel 1952, con traduzione di Salvatore Quasimodo e illustrazioni di Renato Guttuso.
Los versos del Capitán, nella loro duplice uscita: nel 1952, per una sottoscrizione tra amici con l’avallo dallo stesso Neruda, presso Arte Tipografica, e nel 2002, in occasione del cinquantenario del libro, sempre presso Arte Tipografica.
Le prime traduzioni compiute da Dario Puccini.
Pablo Neruda. Poesie e scritti in Italia, a cura di Ignazio Delogu, Lato Side Roma 1981. 
Pablo Neruda, Poesie (1924-1964), introduzione, scelta, traduzione e note di Roberto Paoli, Rizzoli, Milano 1988.




Tre poesie tratte da: Canto General 

« Il Canto Generale […] è senz’altro il lascito poetico più importante di Pablo Neruda, considerato a ragione il libro dell’epica moderna del continente latinoamericano. Scritto negli anni Cinquanta, in un’epoca segnata dalla guerra fredda e dalla contrapposizione in blocchi ideologici, la raccolta presenta quindici canti, fra cui spiccano i grandi affreschi “La lampada nella terra” e “Altitudini del Machu Picchu”, rievocazione della genesi precolombiana e della civiltà incaica, come ugualmente risaltano i capitoli che compongono “Il fuggitivo”, poema della persecuzione e dell’esilio, e “Il Grande Oceano”, viaggio negli spazi immensi del mare cileno. Il libro si chiude con l’autobiografia lirica “Io sono”, in cui l’io si colloca al centro dell’esegesi polarizzando il messaggio con la sua voce e la piena coscienza della vocazione poetica.
In realtà il Canto generale, sorretto da una precisa intenzionalità programmatica, è la risposta positiva del poeta alle precedenti interrogazioni angosciose emerse nel libro della Terza residenza (1947); [Il Canto generale è] un’opera straordinaria che […] attua un processo di sintesi e di osmosi fra mito e attualità, fra utopia e coscienza civile, sullo sfondo del paesaggio australe e nella cornice grandiosa dei personaggi che evocano il passato o ricordano il mondo degli umili e degli offesi dimenticati dalla storia ».








CANTO GENERAL
 



       III

LOS CONQUISTADORES




       I




Vienen       Los carniceros desolaron las islas.
 por las       Guanahaní fue la primera
    islas        en esta historia de martirios.
(1493)        Los hijos de la arcilla vieron rota
su sonrisa, golpeada
su frágil estatura de venados,
y aún en la muerte no entendían.
Fueron amarrados y heridos,
fueron quemados y abrazados,
fueron mordidos y enterrados.
Y cuando el tiempo dio su vuelta de vals
bailando en las palmeras,
el salón verde estaba vacío. 

                               Sólo quedaban huesos
                               rígidamente colocados
                               en forma de cruz, para mayor
                               gloria de Dios y de los hombres. 

De las gredas mayorales
y el ramaje de Sotavento
hasta las agrupadas coralinas
fue cortando el cuchillo de Narváez.
Aquí la cruz, aquí el rosario,
aquí la Virgen del Garrote.
La alhaja de Colón, Cuba fosfórica,
recibió el estandarte y las rodillas
en su arena mojada.




              I




Invadono     I macellai devastarono le isole.
          le     Guanahaní fu la prima
       isole     in questa storia di supplizi.
   (1493)     I figli dell’argilla videro spezzarsi
il loro sorriso, e percossa
la loro fragile statura di cervi,
e anche nella morte essi non comprendevano.
Legati furono e feriti,
arsi furono e bruciati,
morsi furono e interrati.
E quando il tempo fece il suo giro di valzer
fra le palme danzando,
era vuota la grande sala verde. 

                               C’erano solo ossa
                               rigidamente poste
                               in forma di croce, a maggiore
                               gloria di Dio e degli uomini. 

Dalle argille sorveglianti
e le ramaglie delle Sotavento
fino alle raggruppate Coralline
andò tagliando il coltello di Narváez.
Ecco la croce, ecco il rosario,
ecco la Vergine della Garrota.
Il gioiello di Colombo, Cuba tutta di fosforo,
ne ebbe la bandiera e le ginocchia
sopra la rena del suo bagnasciuga.


                                Traduzione di Antonino Caponnetto




              II




Ahora es    Y luego fue la sangre y la ceniza.
     Cuba    Después quedaron las palmeras solas. 
                 Cuba, mi amor, te amarraron al potro, 
                 te cortaron la cara, 
                 te apartaron las piernas de oro pálido,
                 te rompieron el sexo de granada,
                 te atravesaron con cuchillos,
                 te dividieron, te quemaron.  

                 Por los valles de la dulzura

                 bajaron los exterminadores,
                 y en los altos mogotes la cimera
                 de tus hijos se perdió en la niebla,
                 pero allí fueron alcanzados
                 uno a uno sin morir,
                 despedazados en el tormento
                 sin su tierra tibia de flores
                 que huía bajo sus plantas.  

                 Cuba, mi amor, que escalofrío

                 te sacudió de espuma a espuma,
                 hasta que te hiciste pureza,
                 soledad, silencio, espesura,
                 y los huesitos de tus hijos
                 se disputaron los cangrejos.




              II




Ora tocca    E subito venne la cenere e il sangue.
  a Cuba     Poi rimasero le palme sole. 
                 Cuba, mio amore, tavvinsero al cavalletto, 
                 ti tagliuzzarono la faccia, 
                 ti squartarono le gambe doro pallido,
                 ti strapparono il sesso di melagrana,
                 con i coltelli ti trafissero,
                 ti lacerarono, ti bruciarono.  

                 Sulle valli della dolcezza

                 calarono gli sterminatori,
                 e sulle alte dune il cimiero
                 dei tuoi figli si perse tra la nebbia,
                 ma lì, essi, ad uno ad uno, 
                 furono raggiunti e messi a morte,
                 o massacrati nel supplizio
                 senza che la calda terra dei fiori
                 ormai fuggisse sotto i loro piedi.  

                 Cuba, mio amore, che brivido

                 ti scosse di spuma in spuma,
                 finché ti facesti purezza,
                 solitudine, densità, silenzio,
                 e le piccole ossa dei tuoi figli
                 tra loro si disputarono i granchi.


                                Traduzione di Dario Puccini




              XIV



     Las En Cajamarca empezó la agonía.
 agonías
                El joven Atahualpa, estambre azul,
                árbol insigne, escuchó al viento 
                traer rumor de acero.
                Era un confuso
                brillo y temblor desde la costa,
                un galope increíble
                piafar y poderío
               de hierro y hierro entre la hierba.
               Llegaron los adelantados.
               El Inca salió de la música
               rodeado por los señores.

               Las visitas

               de otro planeta, sudadas y barbudas,
               iban a hacer la reverencia.

               El capellán

               Valverde, corazón traidor, chacal podrido,
               adelanta un extraño objeto, un trozo
               de cesto, un fruto
               tal vez de aquel planeta
               de donde vienen los caballos.
               Atahualpa lo toma. No conoce
               de qué se trata: no brilla, no suena,
               y lo deja caer sonriendo.

               “Muerte,

               venganza, matad, que os absuelvo”,
               grita el chacal de la cruz asesina.
               El trueno acude hacia los bandoleros.
               Nuestra sangre en su cuna es derramada.
               Los príncipes rodean como un coro
               al Inca, en la hora agonizante.

               Diez mil peruanos caen

               bajo cruces y espadas, la sangre
               moja las vestiduras de Atahualpa.
               Pizarro, el cerdo cruel de Extremadura
               hace amarrar los delicados brazos
               del Inca. La noche ha descendido
               sobre el Perú como una brasa negra.




              XIV



    Le       A Cajamarca iniziò l’agonia.
agonie
               Il giovane Atahualpa, azzurro stame,
               albero insigne, udì che il vento
               portava rumori d’acciaio.
               Veniva un confuso
               sfolgorio e tremore dalla costa,
               un galoppo incredibile
               – impennate e potenza 
               di ferro e ferro tra le erbe.
               Arrivarono i dignitari.
               L’Inca uscì dalla fanfara
               circondato dai signori.

               Gli ospiti

               dell’altro pianeta, sudati e barbuti,
               facevano la riverenza.

               Il cappellano

               Valverde, cuore infido e, lurido sciacallo,
               presenta uno strano oggetto, un pezzo
               di canestro, forse un frutto
               di quel pianeta
               di dove vengono i cavalli.
               Atahualpa lo prende. Non sa
               Di che si tratti: non brilla, non suona,
               e lo lascia cadere sorridendo.

               « Morte,

               vendetta, ammazzate, ché io vi assolvo »,
               grida lo sciacallo dalla croce assassina.
               Il tuono viene in aiuto ai banditi.
               Il nostro sangue nella sua culla è versato.
               I principi circondano come un coro
               l’Inca, al momento dell’agonia.
               Diecimila peruviani cadono
               sotto le croci e le spade, il sangue
               bagna i vestimenti di Atahualpa.
               Pizarro, il crudele porco d’Estremadura,
               fa incatenare le delicate braccia
               dell’Inca. E la notte è discesa
               sopra il Perù come una nera brace.


                                Traduzione di Dario Puccini














Avvertenza: 
Tanto le tre poesie qui presentate in lingua originale che le traduzioni delle ultime due sono tratte dal libro: Pablo Neruda, Canto Generale - Canto General, traduzione, prefazione e note di Dario Puccini, SugarCo Edizioni, Milano, 1988. 
Per ciò che riguarda la poesia Vienen por las islas, ho voluto assumermi personalmente la responsabilità di una nuova traduzione. 
A. C.











CONTATTI / CONTACTS 
                                                      Facebook: Caponnetto-Poesiaperta|Facebook                                                                           
                                                       e-mail: Caponnetto.ni@gmail.com                                                             













4 commenti:

  1. Nel 1969, il partito comunista cileno indica Pablo Neruda come suo candidato alle elezioni presidenziali. L'opportunità di dar vita a una coalizione più ampia con i socialisti, l'Unidad Popular, per la quale egli stesso si impegna con tutte le sue forze, lo fa risolvere per la rinuncia a favore di Salvador Allende, il quale, come è noto, uscì vittorioso dal voto del 1970. Dopo la vittoria, Neruda viene nominato ambasciatore in Francia. Ed è appunto a Parigi, nel 1971, che il poeta incontra per la prima volta Mikis Theodorakis, sfuggito da poco alla lunga persecuzione dei colonnelli golpisti. Le loro rispettive esperienze di artisti, di combattenti e di esuli si traducono in un naturale impulso alla collaborazione. E' così che, anche con la "benedizione" di Allende, nasce il progetto di musicare alcuni frammenti del vastissimo Canto General. Nel 1973 il lavoro del compositore greco è a buon punto, tanto che si possono fare le prime prove per la sua esecuzione, prevista nello stadio di Santiago. Il poeta è già ammalato; ma non sarà la morte imminente a impedirgli di ascoltare la sua opera reinterpretata da Theodorakis. A troncare il progetto provvedono i generali manovrati dalla Casa Bianca, che non sopporta un altro governo indipendente e popolare negli spazi "manifestamente" assegnatile dal "Destino". L'11 di settembre lo stadio di Santiago viene sequestrato dall'esercito e trasformato in campo di concentramento. Il 19 settembre Neruda viene urgentemente ricoverato in una clinica di Santiago, dove muore il giorno 23 per un cancro alla prostata. La sua casa di Isla Negra viene saccheggiata e i suoi libri dati alle fiamme. L'opera massima del poeta, che si sentì il cantore delle due culture della sua immensa America (quella Ispanica e quella India), e la musica del compositore venuto da una antica terra, piccola e lontana, madre di quella "civiltà occidentale" in nome della quale i loro due Paesi erano stati abbattuti come buoi al macello uno dopo l'altro in ordinata sequenza (1967-1973 la Grecia; 1973 - 1990 il Cile), fu ascoltata la prima volta dai cileni, nello stadio di Santiago affollato dai vivi e dai morti, solo nel 1993. Dirigeva Theodorakis.
    ( fonte principale: http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=38199&lang=it )

    RispondiElimina
  2. Alter ego di P.Neruda è la poesia.La sua lotta vera,quella più ardita e aspra,la combatte con le parole e vince.
    Questo perchè la poesia ha una coscienza e si basa su una conoscenza esplicita delle cose.La passione ne è parte.così come ne è parte il valore intimo di se stessi.Quello che solo il poeta può rivelare al mondo e definire per oggetto.
    E' così per "Canto general",dove Neruda manifesta la sua piena volontà a non abbandonare i resti e le ragioni di quel mondo dimesso che ama,che ha una sua funzione fisica ed ideale,tanto politica quanto poetica.La poesia non si scorge in questo contesto,ma scorge, accoglie,combatte.

    RispondiElimina
  3. "..sulle valli della dolcezza / calarono gli sterminatori.." E' forte il contrasto fra le stragi impietose ed i simboli della religione cristiana che il poeta volutamente mostra. Poeta combattente per un futuro diverso vide purtroppo svanire, prima della sua morte, la prospettiva di un futuro felice. Ma il suo ostinato ottimismo, il suo messaggio positivo restano nella sua poesia, come possiamo vedere in questi versi appartenenti al " Canto general": Io ho di fronte a me solo dei semi, / svolgimenti radianti e dolcezza. " Il poeta spagnolo Rafael Alberti, con la sua poesia " Con Neruda en el corazòn " così richiama l' attenzione del mondo sulla scomparsa del grande Poeta :
    Venite ora a vedere la sua casa violata,
    le porte e i vetri infranti,
    venite a vedere i suoi libri ormai cenere,
    a vedere le sue collezioni ridotte polvere,
    venite a vedere il suo corpo lì caduto,
    il suo immenso cuore lì rovesciato
    sopra la scoria dei suoi sogni rotti,
    mentre continua a scorrere il sangue per le strade. "

    RispondiElimina
  4. Riconosco la grande bellezza di questi versi e provo dolore per la persecuzione politica subita da Neruda, del tutto inammissibile. Chi mi conosce bene sa che non è la poesia dell'impegno , quella che prediligo, e sa che ne sono una fiera oppositrice. Sono la voce dissonante in una panoramica critica radicatissima, che esalta tanta Poesia che ha combattuto, che combatte ancora per il principio pur nobilissimo della libertà, quella libertà che certamente vorrei conquistare, qualora ne fossi privata, versando il mio sangue sul campo, e non inchiostro su un foglio. Sono una voce dissonante, sapendo che i premi Nobel per la poesia sono stati assegnati e ancora si assegnano ad autori, di indiscusso talento, che però hanno scitto o scrivono per la difesa dei diritti civili.Non condivido questo criterio di assegnazione del premio Nobel e voto per una poesia grande, come quella di Neruda sì, ma svincolata dalla lotta politica e dalla storia. Chi non conosce la storia del Cile , come potrebbe comprendere ed apprezzare i versi, pur bellissimi, che ho appena letto??? E' davvero necessaria la storia alla poesia? O la poesia sa essere bella ed immensa senza di quella? Sono domande che mi pongo e che mi mettono in crisi, mi struggono e mi prostrano. Grazie Antonino, per la tua operosa attività di divulgatore della Poesia e dei suoi celebri autori e mi si perdoni un certo sincero dissenso dal quale non riesco a liberarmi, soprattutto ultimamente, mentre il limite tra il bene ed il male, in politica, non è più percepibile ed è del tutto soggettivo. nunzia binetti

    RispondiElimina