lunedì 2 luglio 2012

EMILE EDANG - «JE ME VIS DANS CES LIGNES» - QUATTRO POESIE




Notizia autobiografica: 

Mi chiamo Emile Edang. Sono nato in Camerun, vivo in Italia dal mese di agosto del 2009. Studio Comunicazione Turistica e dell’Impresa all’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”. Fin da bambino, mi sono sempre sentito poeta nell’anima, ascoltando spesso il grido solitario del vento o contemplando, nei pomeriggi silenziosi, le forme strane disegnate dalle nuvole. Il passo decisivo però si compie una decina d’anni fa, in un particolare momento difficile della mia adolescenza. È stato lì che, sulla mia via di Damasco, sono stato illuminato dalla luce della Poesia e, da quel momento, scrivere per me è diventato come respirare: una necessità.

Di Emile Edang ci siamo precedentemente occupati (si veda: EMILE EDANG - QUATTRO POESIE ).

Nota: 
Mi sembra opportuno ribadire ancora una volta l’impegno, già preso coi lettori-visitatori di questo blog, di postare qui, entro una decina di giorni, gli ultimi quattro testi dei dodici che Emile Edang mi ha fatto l’onore di inviarmi per la pubblicazione.
Antonino Caponnetto 







10 - Je me vis dans ces lignes 




Je me vois dans ce poème


Dans ces vers qui  s’enchainent
Dans ma vie telles des scènes
Qui me bri-sent les chaines


Je me vis dans ces lignes
Telle une quête, comme un signe
C’est ma vie en couleur
Mes victoires et ma peur
C’est le rythme de mon cœur


Le torrent de mes heures
Mon  parcours, mes labeurs
C’est mon plus grand bonheur
Qui me donne une saveur


L’espérance qu’on déterre
Le flambeau de la terre
Je me vois comme un pas
Un désir, un combat


Une poitr-ine qui bat
Sans relâche ici-bas
Je me vois simplement
Comme le cœur de l’enfant
Qui rêve au firmament


Quand se lè-ve le vent
Je me vois nouvelle Ève
Où les hommes se rassemblent
Dans les peines et leurs rêves
L’Humanité ensemble 





Mi sono visto in queste righe



Mi vedo in questa poesia
In questi versi che a incatenarsi vengono
Alla mia vita come delle scene
Che in me spezza-no catene 


Mi sono visto in queste righe
Così come una questua, come un segno
È la mia vita a colori
Le mie vittorie e la mia paura
È il ritmo del mio cuore


Il torrente delle mie ore
La mia via, le mie fatiche
È la mia più grande gioia,
Quella che mi dà un sapore


Spero sia dissotterrata
La gran torcia della terra
Io mi vedo come un varco
Un anelito una lotta


Un to-race entro cui pulsa 
Senza posa questa terra
Vedo me semplicemente
Come il cuore d’un bambino
Che in sé sogna il firmamento


Quando poi si le-va il vento
In me vedo un’Era nuova
Dove insieme stanno gli uomini
Con le pene e i sogni insieme
Questa intera umanità




11 - Parfois je me demande 



Parfois je me demande, 
le doute scellé au cœur le désespoir dans l’âme, 
si ça vaut la peine
la peine de courir comme chaque seconde pour conquérir l’infini
la peine de tourner en rond sans relâche comme une montre pour ravir un monde meilleur
parfois je me demande 
comme la nuit qui frissonne de peur et d’angoisse
je me demande telle la fuite du temps qui ne cesse de poursuivre une réponse infinie et mystérieuse de la dddddvie
quand la mer jette l’écume sur les bordures des terres 
et ses vagues se fendent sur les flancs des rochers 
quand l’océan gronde comme le tonnerre des espaces 
et que le vent le pousse jusqu’aux confins du néant
je me demande si ca vaut la peine
de voir les têtes innocentes tombées comme des fruits murs qu’un souffle cueille
de voir la terre s’ouvrir pour avaler ceux qui ne savent dire que oui à la vie
parfois je me demande
l’esprit brulant comme les enfers, le cœur noir comme la nuit des temps
combien dureront encore les jours et les nuits de la mort
parfois je me demande
quand descendra le soleil dans la caverne 
et qu’on verra enfin le jour le plus long du monde





A volte mi domando



A volte mi domando
Il dubbio sigillato nel cuore, la disperazione nell’anima
Se vale la pena
La pena di correre come ogni secondo per conquistare l’infinito
La pena di girare senza tregua come un orologio per rapire  un mondo migliore
A volte mi domando
Così come la notte che freme di paura e di angoscia
Mi domando così come la fuga del tempo che non smette di pretendere dalla vita una risposta infinita e dddddmisteriosa 
Quando il mare getta la schiuma sulle sponde  mentre le sue onde si fendono sui fianchi delle rocce
Mi chiedo se vale la pena
Quando l’oceano grida come il tuono nello spazio
Mentre il vento lo spinge fino ai confini del nulla
Mi chiedo se vale la pena
Di vedere teste innocenti cadere come frutti maturi colti dal vento
Di guardare la terra aprirsi per inghiottire quelli che non sanno dire altro che sì alla vita
A volte mi domando,
Lo spirito bruciante come gli inferni, il cuore nero come la notte dei tempi,
Quanto dureranno ancora i giorni e le notti della morte
A volte mi domando
Quando il sole scenderà nella caverna
E potremo vedere finalmente il giorno più lungo del mondo



6 - Celui qui marche 
   


Celui qui marche sur  les sentiers sinueux de cette vallée de larmes 
Seul,  comme le vent qui s’en  va rêvant,  vers l’eternel  inconnu 
Celui qui avance sans cesse comme chaque seconde,  pour conquérir des jours  meilleurs, l’étoile au fond dddddde l’âme, le soleil dans le regard 
Celui qui jette les rayons d’espoir dans les abimes du noir et qui redresse patiemment les fronts froissés dddddpar les angoisses et déceptions de ce monde 
Celui qui offre une goutte d’eau au pauvre du coin, qui  laisse un bout  de pain a l’inconnu qui craint le dddddlendemain 
Fils du rêve,  enfant de la lumière, au-delà des océans de nos larmes et des silences dans nos cimetières,
Au-delà des rugissements d’armes et des larmes dans le vacarme, le glaive dans le cœur, l’ouragan dans la ddddddemeure 
Au nom du Père et du Fils, celui qui court  comme l’enfant avec la force de l’Esprit, pour toucher le plus dddddgrand bonheur, pour conquérir la tanière du soleil 
C’est toi, c’est moi, c’est  tous ceux qui croient que seul le feu de l’amour  peut tarir tous nos fleuves de dddddsang et recoller les morceaux de notre histoire décapitée par la haine et par tant des désespoirs 
Celui qui marche sur les chemins sinueux de cette abime de larmes, qui brise les armes du vacarme pour dddddapporter le calme…



Colui che cammina 



Colui che cammina sui sentieri sinuosi di questa valle di lacrime 
Solo come il vento che se ne va sognando verso l’eterno ignoto 
Colui che avanza senza tregua come ogni secondo, per conquistarsi dei giorni migliori, la stella in fondo al dddddcuore, il sole nello sguardo 
Colui che getta i raggi di speranza negli abissi del buio, che rialza con pazienza le fronti gualcite dalle dddddangosce e dalle delusioni di questo mondo 
Colui che dà un bicchiere d’acqua al povero sull’angolo della strada, che lascia un pezzo di pane allo dddddsconosciuto che ha paura del domani 
Figlio del sogno, bambino della luce, al di là degli oceani di lacrime, al di là dei silenzi dei nostri cimiteri,
Al di là dei ruggiti delle armi e delle lacrime nel fracasso, la spada all’interno del cuore, l’uragano dentro la dddddcasa 
Nel nome del Padre e del Figlio, colui che corre come il bambino con la forza dello spirito, per toccare la dddddpiù grande felicità, per conquistare il covo del sole 
Sei tu, sono io. Sono tutti coloro che credono che solo il fuoco dell’amore può esaurire tutti i nostri fiumi ddddddi sangue e ricomporre i pezzi della nostra storia, decapitata dall’odio e da tanta disperazione 
Colui che cammina lungo le strade sinuose di questo abisso di lacrime, che infrange le armi del fracasso dddddper condurvi la calma




7 - Voyageur solitaire



Oh voyageur solitaire qui erre sur les routes de la terre
Avec un horizon froissé dans le regard, un bout de ciel déchiré au fond des yeux
Le pas errant sur la face du désert, les chaines debout de génération en génération comme le désir éternel dddddde la vraie liberté
Oh soleil qui brule si haut, toi le signe de Dieu et l’espoir dans mes yeux. Qui m’ouvrira la porte des cieux?
Immortel courbé sous le fardeau du genre humain, me voici Seigneur sur le chemin, l’espoir au creux des dddddmains comme celui qui se nomme demain
Me voici âme dans le vent, parcourant  le firmament , pour toucher le rêve dans le cœur de l’enfant
Je suis Seigneur ton souffle de vie qui bat dans la vallée aride de mon cœur
Je suis ton rayon de lumière à l’affut au milieu de mes peurs
Et quand la tristesse me fend le cœur, tu es Seigneur la nouvelle voie qui s’ouvre en moi comme une dddddporte étroite vers la foi
Je suis, oh désir inaliénable, l’existence en silence qui attend ta délivrance




Viaggiatore solitario



O viaggiatore solitario che vaghi sulle strade della terra
Con un orizzonte sgualcito nello sguardo, un pezzo di cielo lacerato in fondo agli occhi
Il passo vagante sulla faccia del deserto, in piedi, le catene di generazione in generazione come il desiderio dddddeterno della vera libertà
O sole che bruci lassù, tu, il segno di Dio, tu, la speranza negli occhi miei. Chi mi aprirà la porta dei cieli?
Immortale curvato sul fardello del genere umano, eccomi, Signore, sulla via, la speranza nel cavo delle dddddmani come colui che si chiama domani
Eccomi, anima nel vento, a percorrere il firmamento per toccare il sogno nel cuore del bambino
Sono io, Signore, il tuo soffio di vita che picchia nella valle arida del mio cuore
Sono io il tuo raggio di luce che a s’inoltra nel bel mezzo delle mie paure
E quando la tristezza mi spezza il cuore, Sei tu, Signore, il nuovo sentiero che si apre in me come una dddddporta stretta verso la fede
Sono io, o desiderio inalienabile, l’esistenza silenziosa che da te attende la liberazione 










7 commenti:

  1. La giovane poesia africana di lingua francese ha trovato in Emile Edang un alto rappresentante. Per quanto la sua Patria originaria possa ancora non essere al corrente di questo, l'Africa ha qui uno dei suoi maggiori Cantori uno dei suoi più profondi e partecipi Poeti e, attraverso i versi che ne leggiamo, ha anche una coscienza civile e umana. Tale coscienza, che ne riflette gli infiniti mali, le acute sofferenze, ha anche una voce che parla al proprio popolo, che parla al mondo intero. La strada, pur sempre assai incerta e imprevedibile, ci appare già tracciata, il destino del Poeta ci appare già scritto. Per questa grande voce poetica auspichiamo il naturale svilupparsi e crescere fino a farsi voce e coscienza consapevole per tutte le genti del continente Africano.
    A. C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso solo associarmi ad Antonino Caponnetto, di cui condivido ogni parola. Auguro a Emile di non perdersi per strada, di non distrarsi o deviare dal cammino.

      Elimina
  2. A questi incoraggiamenti e auguri, posso solo dire "cosi sia". Grazie Antonino e Paolo con tutto il rispetto. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  3. Quanta Musica, quanta bellezza, quanto ardore! C'è tutto un mondo, dentro a queste liriche. Complimenti all'Autore e grazie ad Antonino.

    RispondiElimina
  4. Grazie Alba per le tue parole, che mi vanno dritto al cuore. Piacere!!!

    RispondiElimina
  5. Una limpida voce portatrice di un messaggio di pace e di amore , "al di là degli oceani di lacrime", di cui soffre il poeta insieme all' umanità. Versi intensi, commoventi nella genuina espressione di un' anima sensibilissima di poeta, "figlio del sogno, bambino della luce"

    RispondiElimina
  6. Un mio carissimo amico vissuto per molto tempo in Africa,mi ha parlato spesso della voce di questa terra.Mi ha raccontato della sua forza a stabilire contatti profondi tra gli uomini e tutto il resto del cosmo poichè di fondo c'è una verità assoluta e senza perimetri di confine,che nasce dove ancora l'essere umano non è altro che una creatura uguale a tutte le altre,in bilico come tutte le altre,senza maggiori definizioni di destino.Leggo Emile da sempre,mi consolo e mi animo emotivamente nelle sue parole umili ma intense.Egli s'interroga costantemente e le risposte sono "anima nel vento",senza pretese di altro."Ne vale la pena?"-l'autore lo chiede a se stesso,per non rimanere ingannato di nulla,per non ingannare nessuno.Solo allora,egli può vedersi nella poesia e comunicarla agli altri come pochi.Emile prova che la parola ha sostanza,ha mani per accarezzare o strangolare,per definire discorsi o silenzi che alla fine siano solo di volontà di dio.Se i versi di Emile fossero terra,bisognerebbe attraversarla in punta di piedi...

    RispondiElimina